Questo sito contribuisce alla audience di

News Fiscali della Settimana

Le news fiscali della settimana appena trascorsa

Il consueto sguardo alle news fiscali della settimana dal 06 al 10 Dicembre 2010.

Case fantasma: entro il 31 dicembre la regolarizzazione catastale (Fonte: Italia Oggi)

2010-12-10 - Entro il prossimo 31 dicembre scade il termine per la regolarizzazione catastale relativa agli immobili non dichiarati in Catasto o a quelli già censiti, ma non aggiornati. Si apre, tuttavia, la possibilità che la regolarizzazione sia postergata alla fine del prossimo anno (2011). Questo è quanto emerge dall’approvazione di un ordine del giorno alla Finanziaria 2011, in cui si invita il Governo a prevedere un rinvio del termine attualmente fissato al 31 dicembre 2010 dall’art. 19, co. 8 e 9 del D. L. 78/2010, per la regolarizzazione catastale degli immobili.

Incentivi per il Sud: già prenotati i fondi per la nuova “488” (Fonte: Il Sole 24 Ore)

2010-12-10 - È partita ieri, 9 dicembre 2010, alle ore 11 del mattino, la corsa per ottenere i nuovi incentivi per il Sud, in attuazione del regime di aiuto approvato con D.M. 23 luglio 2009 (c.d. nuova “488”). A metà pomeriggio, secondo le indicazioni fornite dal Ministero dello Sviluppo Economico, le richieste di agevolazione presentate per i progetti di innovazione, miglioramento competitivo e tutela ambientale erano 93, per un ammontare di investimenti attivabili pari a 524 milioni. Per questo bando, comunque, gli incentivi a diposizione ammontano a 100 milioni di euro. Oggi, 10 dicembre, potranno sperimentare l’accesso le imprese con progetti nel settore energetico, mentre domani, 11 dicembre, le imprese che propongono progetti di industrializzazione dei risultati della ricerca.

Indennità del difensore civico assimilate al lavoro dipendente (Fonte: Fisco Oggi)

2010-12-10 - L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 126/E del 9 dicembre 2010, fornisce chiarimenti in relazione al trattamento fiscale applicabile alle indennità ed alle altre somme corrisposte a titolo di rimborso spese per missioni erogate al difensore civico regionale. In particolare, tali indennità costituiscono redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente assoggettati pertanto alla relativa tassazione, in quanto si tratta di remunerazioni erogate per lo svolgimento di una pubblica funzione (articolo 50, comma 1, lettera f) del Tuir).

Modello F24 accise: istituiti nuovi codici tributo per il versamento dei contributi
(Fonte: Fisco Oggi)

2010-12-10 - Con la Risoluzione n. 127/E del 9 dicembre 2010, l’Agenzia delle Entrate istituisce sette nuovi codici tributo per pagare, mediante il modello “F24 accise”, alcune tipologie di contributi dovuti all’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani (INPGI). In sede di compilazione del modello “F24 accise”, reperibile esclusivamente sul sito delle Entrate, i nuovi codici tributo sono esposti nella sezione “Accise/Monopoli ed altri versamenti non ammessi in compensazione” in corrispondenza degli “importi a debito versati”, dove va anche indicata, nel campo “Ente”, la lettera P che identifica l’INPGI.

5 per mille: on line le linee guida per rendicontare l’impiego delle somme (Fonte: Il Sole 24 Ore)

2010-12-09 - Tutti i soggetti destinatari del 5 per mille sono tenuti a redigere un rendiconto circa la destinazione delle somme percepite, pena il recupero, anche coattivo, delle stesse da parte del Ministero competente. Le organizzazioni di volontariato che hanno ricevuto il 10 settembre 2010 le somme relative al 2008, dovranno effettuare il rendiconto entro il 30 settembre 2011 ed inviarlo al Ministero del Lavoro entro il 31 ottobre 2011. Questi sono i chiarimenti arrivati con le linee guida del Ministero del Lavoro del 7 dicembre 2010 circa i termini, le modalità, l’ambito di competenza ed ogni altro onere a cui sono tenuti i soggetti beneficiari del 5 per mille.

Finanziaria 2011: approvata in via definitiva la Legge di Stabilità 2011 (Fonte: Il Sole 24 Ore)

2010-12-09 - La Legge di Stabilità 2011 è stata approvata in via definitiva da parte del Senato, senza subire alcuna modifica. Tra le misure fiscali, dunque, si conferma la detrazione delle spese sostenute nel 2011 per il risparmio energetico, le nuove misure delle sanzioni fiscali in materia di accertamento con adesione, acquiescenza, conciliazione giudiziale e ravvedimento operoso, la proroga della detassazione del salario accessorio per incrementi di produttività, l’inserimento a regime delle agevolazioni per la piccola proprietà contadina.

Incentivi per il Sud: la corsa alla nuova “488” (Fonte: Il Sole 24 Ore)

2010-12-09 - Parte oggi, 9 dicembre 2010, la corsa per ottenere i nuovi incentivi per il Sud (Calabria, Campania, Puglia, Sicilia), in attuazione del regime di aiuto approvato con D.M. 23 luglio 2009. Le richieste potranno essere inviate telematicamente e riguardano i programmi di investimento concernenti il raggiungimento di specifici obbiettivi di innovazione, miglioramento competitivo e tutela ambientale. Domani, 10 dicembre, potranno sperimentare l’accesso le imprese con progetti nel settore energetico, mentre sabato, 11 dicembre, le imprese che propongono progetti di industrializzazione dei risultati della ricerca.

Modello Iva 26: la liquidazione di gruppo viaggia solo on line (Fonte: Il Sole 24 Ore)

2010-12-09 - L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il 7 dicembre 2010 il provvedimento di approvazione del nuovo modello Iva 26, che consente l’adesione alla procedura di liquidazione dell’Iva di gruppo. Il modello sostituisce, dal periodo d’imposta 2011, i vecchi stampati Iva 26 e 26-bis e dovrà essere presentato esclusivamente in via telematica. In particolare, la nuova versione della dichiarazione dovrà essere compilata dagli enti o dalle società controllanti, sia per avvalersi della particolare procedura di compensazione dell’Iva, sia per comunicare eventuali variazioni intervenute dopo l’adesione.

Cedolare secca sugli affitti, i profili di criticità (Fonte: Fisco Oggi)

2010-12-07 - Al fine di rafforzare il contrasto all’evasione fiscale e di ottenere un ritorno in termini di legalità e recupero di gettito, il Direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, nel corso dell’audizione alla Commissione Finanze e Tesoro del Senato, ha fornito un’analisi dello schema del decreto legislativo recante disposizioni in materia di federalismo fiscale. In base a tale decreto, viene prevista la cedolare secca sugli affitti, ovvero un regime di tassazione alternativo all’Irpef per i proventi derivanti dalla locazione di immobili ad uso abitativo, con aliquota del 20% sul canone annuo. A partire dal 1° gennaio 2011, tale imposta si potrà applicare solo ai contratti stipulati nei Comuni ad alta densità e a canone concordato, con durata di almeno 3 anni con proroga di due. Dal 1° gennaio 2014, invece, si estenderà a tutte le locazioni di immobili ad uso abitativo.

Cedolare secca sugli affitti, i profilli di criticità (Fonte: Fisco Oggi)

2010-12-07 - Al fine di rafforzare il contrasto all’evasione fiscale e di ottenere un ritorno in termini di legalità e recupero di gettito, il Direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, nel corso dell’audizione alla Commissione Finanze e Tesoro del Senato, ha fornito un’analisi dello schema del decreto legislativo recante disposizioni in materia di federalismo fiscale. In base a tale decreto, viene prevista la cedolare secca sugli affitti, ovvero un regime di tassazione alternativo all’Irpef per i proventi derivanti dalla locazione di immobili ad uso abitativo, con aliquota del 20% sul canone annuo. A partire dal 1° gennaio 2011, tale imposta si potrà applicare solo ai contratti stipulati nei Comuni ad alta densità e a canone concordato, con durata di almeno 3 anni con proroga di due. Dal 1° gennaio 2014, invece, si estenderà a tutte le locazioni di immobili ad uso abitativo.

Finanziaria 2011: oggi l’approvazione da parte del Senato
(Fonte: Italia Oggi)

2010-12-07 - La Legge di Stabilità 2011, che verrà approvata oggi in via definitiva da parte del Senato, stabilisce le nuove misure delle sanzioni fiscali in materia di accertamento con adesione, acquiescenza, conciliazione giudiziale e ravvedimento operoso. Le nuove sanzioni entreranno in vigore per gli atti emessi dal 1° febbraio 2011 e non comprendono quelli che precedono le iscrizioni a ruolo. Per il ravvedimento operoso breve, le nuove sanzioni saranno pari ad un decimo del minimo, anziché ad un dodicesimo, e si applicheranno per le violazioni commesse a partire dal 1° febbraio 2011. Per il ravvedimento operoso lungo, invece, le nuove sanzioni saranno pari ad un ottavo del minimo, anziché ad un decimo.

I contribuenti ai controlli di fine 2010
(Fonte: Il Sole 24 Ore)

2010-12-07 - Gli imprenditori e i professionisti devono verificare al fine dell’anno se il conseguimento dei ricavi può comportare un cambiamento del regime applicabile nell’anno successivo e, di conseguenza, di determinazione del reddito e dell’Iva. Ad esempio, qualora nell’anno solare precedente, il contribuente che ha aderito al regime dei “minimi” abbia conseguito ricavi ovvero percepito compensi superiori a € 30.000, egli decadrà dal regime semplificato con valenza dall’anno successivo in cui tali circostanze si verificano e verrà applicato il regime ordinario.

Modello EAS: non serve la doppia comunicazione di variazioni (Fonte: Il Sole 24 Ore)

2010-12-07 - Con la Risoluzione n. 125/E del 6 dicembre 2010, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che, in caso di mutamento del rappresentante legale o variazione dei dati dell’ente, gli enti associativi non commerciali non sono tenuti alla presentazione di un nuovo modello EAS, se queste informazioni risultano già in possesso dell’Amministrazione finanziaria. Queste variazioni vanno, infatti, comunicate all’Agenzia delle Entrate attraverso il modello AA5/6, per i soggetti non titolari di partita IVA e il modello AA7/10, per i soggetti titolari di partita IVA.

Gli omaggi ai dipendenti qualificati come erogazioni liberali (Fonte: Il Sole 24 Ore)

2010-12-06 - I beni acquistati per essere ceduti come omaggi ai propri dipendenti non sono inerenti all’attività d’impresa e, di conseguenza, non possono essere qualificati come spese di rappresentanza. Il costo di tali beni è deducibile dal reddito d’impresa ai sensi dell’art. 95 del TUIR, secondo il quale sono comprese fra le spese per prestazioni di lavoro anche quelle sostenute in denaro o in natura a titolo di liberalità a favore dei lavoratori. Le erogazioni liberali concesse ai dipendenti qualora siano in denaro concorrono, indipendentemente dal loro ammontare, alla formazione del reddito di lavoro dipendente e sono, quindi, assoggettate a tassazione. Diversamente, qualora tali erogazioni siano in natura non concorrono alla formazione del reddito se di importo non superiore ad € 258,23 nel periodo d’imposta.

Lavoro - correlato: scatta il test sullo stress (Fonte: Il Sole 24 Ore)

2010-12-06 - A partire dal 1° gennaio 2011 diventa operativo l’obbligo di valutare lo stress lavoro - correlato. Tale obbligo è stato introdotto dal Testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (D. Lgs. 81/2008) per tutti il datori di lavoro, consulenti e organi di vigilanza. Dalla Commissione consultiva del Welfare arrivano anche le linee guida che permetteranno alle imprese di adeguarsi alle nuove norme. I datori di lavoro dovranno “programmare”, entro la fine dell’anno, il meccanismo di valutazione dei fattori di rischio.

Le bozze dei Modelli Unico 2011: disponibili on line le versioni provvisorie (Fonte: Fisco Oggi)

2010-12-06 - Sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati, il 3 dicembre 2010, le bozze dei modelli per le società di persone (Unico SP) e per gli enti non commerciali (Unico SPC) da utilizzare il prossimo anno. Sono tre le principali novità contenute nelle ultime versioni dei modelli, in linea con le recenti modifiche normative: dal bonus campionari, dedicato alle imprese del settore tessile per gli investimenti in ricerca e sviluppo, al nuovo prospetto dedicato al transfer pricing e, infine, alla sospensione d’imposta sugli utili reinvestiti da parte delle imprese aderenti ai contratti di rete.

Piccola proprietà contadina: l’acquisto agevolato va a regime (Fonte: Il Sole 24 Ore)

2010-12-06 - Il Disegno di Legge sulla Finanziaria 2011, approvato dalla Camera il 19 novembre scorso, porta a regime l’agevolazione per la piccola proprietà contadina. L’agevolazione riguarda gli acquisti effettuati da coltivatori diretti, imprenditori agricoli professionali (Iap) e dalle società agricole aventi la medesima qualifica di cui al D. Lgs. 99/2000, che continuano a scontare l’imposta di registro e ipotecaria in misura fissa e l’imposta catastale nella misura dell’1%, attualmente prevista fino al 31 dicembre 2010. Ora, quindi, il beneficio fiscale non è più a termine, ma viene previsto in via continuativa.

Roberto Pagano
www.lacontabilitaonline.net