Questo sito contribuisce alla audience di

Il Libro Inventari

Le regole da seguire per la corretta tenuta del Libro Inventari

Continuiamo l’esame per la tenuta corretta dei libri contabili, avviata nei miei precedenti interventi.

Poniamo l’attenzione sul libro Inventari, che deve essere redatto all’inizio dell’attività d’impresa, aggiornato ogni anno e riportare anche la situazione economica e patrimoniale annuale.

Il libro inventari deve essere sottoscritto dal Legale Rappresentante o dal titolare dell’impresa e deve essere compilato secondo le comuni norme di tenuta di tutti i registri contabili, ossia senza abrasioni (nel caso di cancellazione sempre leggibili….mi raccomando), indicando in forma analitica la valutazione delle attività e passività presenti in Azienda ed i beni raggrupati per categoria omogenea con chiara indicazione del valore attribuito.

Il criterio adottato per la valutazione delle rimanenze va specificato obbligatoriamente ( ossia metodo Lifo, Fifo e con il metodo del costo medio ponderato) ed oltre ad indicare il bilancio d’esercizio, per le società di capitali è necessario inserire anche la nota integrativa.

Per quanto concerne gli obblighi di bollatura, vidimazione, numerazione sono in vigore le stesse regole stabilite per la tenuta del libro giornale, oggetto del mio precedente intervento.

Roberto Pagano

www.lacontabilitaonline.net