Questo sito contribuisce alla audience di

Richiedere un rateizzo all'Inps

Una recente circolare chiarisce la disciplina delle rateizzazioni dei debiti Inps

Nella circolare 4 del 13 Gennaio l’Inps definisce la disciplina delle rateizzazioni per i debiti che le imprese hanno con l’Istituto sia in fase amministrativa che cartellizzata, ossia affidata all’Agente della Riscossione.

Si tratta di un’ammorbidimento della procedura per agevolare le imprese in difficoltà in questo periodo di crisi.

A differenza della procedura precedente, si potrà evitare il versamento unico delle trattenute a carico dei dipendenti non versate dal datore di lavoro, che prima era il passo obbligatorio per poter procedere alla richiesta di rateizzo insieme al versamento di 1/12 del debito totale, in attesa che l’Inps provvedeva al calcolo del piano di ammortamento.

Si dovrà però inserire nella richiesta tutti i debiti in fase amministrativa che il soggetto ha con l’Istituto di Previdenza.

L’Inps, verificata la situazione, provvederà a comunicare l’accoglimento della domanda concedendo il rateizzo che può variare da 24 a 60 mesi, includendo anche gli importi affidati all’Agente della Riscossiona ma non ancora notificati.

Per quanto concerne i debiti iscritti a ruolo, si potrà ottenere dall’Agente della Riscossione anche il rateizzo fino a 72 mesi anche per la singola cartella.

Per scaricare il teso della circolare clicca qui

Roberto Pagano
www.lacontabilitaonline.net