Questo sito contribuisce alla audience di

Curiosità scientifiche (2)

Energie esponenziali

10E-12

Sono i chilowattora emessi a ogni bagliore da uno di quei gamberetti luminescenti che vivono in banchi negli oceani. Ce ne vogliono 40 miliardi per ottenere la stessa luce di una lampadina da 40 watt.

4E1

cioè 40, sono i chilowattora prodotti mediamente da un singolo fulmine durante un temporale. Poiché si calcola che in ogni secondo esplodano in tutto il mondo circa 100 fulmini,

4E3

sono i chilowattora prodotti in un secondo da tutti i fulmini, pari a l’energia prodotta bruciando una tonnellata di legname. Ancora più produttiva un’aurora boreale, la quale genera ogni ora

1E6

chilowattora sotto forma di luce. Questo vuol dire che in circa due notti un’aurora boreale produce

1.8E7

chilowattora, cioè 18 milioni. Corrispondono all’energia prodotta dalla bomba atomica di Hiroshima. Con questa energia, una famiglia di 4 persone potrebbe cuocere il pranzo su una cucina elettrica per 30 mila anni. Fece di meglio, cioè

2.8E10

chilowattora, il terremoto registrato in Cile nel 1960, uno dei più forti che si siano mai registrati. Ma

3.5E11

chilowattora può produrre un tifone, molto più dell’energia prodotta in un anno dal più grande impianto idroelettrico del mondo, quello di Itaipù, al confine tra Brasile e Paraguay. Il comune vento, però, fa di più:

5.2E13

chilowatt è la sua energia potenziale in un anno in tutto il mondo, che corrisponde a metà del fabbisogno di energia primaria di tutta l’umanità.

8.9E15

chilowatt di potenza sono contenuti nelle riserve mondiali di carbone, petrolio, metano e uranio oggi conosciute: Che però traggono origine (uranio escluso) dai

7.1E17

chilowattora di energia che ogni anno il Sole invia sulla superficie terrestre. Che sono però solo la millecinquecentesima parte degli

1.1E20

chilowattora che il Sole produce ogni secondo mentre, quando la nostra stella esploderà, produrrà tanta energia quanta ne ha prodotta nei suoi 14 miliardi di anni di vita.

(articolo apparso su “Focus” n° 100)

Ultimi interventi

Vedi tutti