Questo sito contribuisce alla audience di

Fitoterapia e cancro: flavonoidi per prevenire la leucemia

Si è scoperto che l'apigenina, un bioflavonoide contenuto in alcuni fitoterapici e anche in certa frutta e verdura, è utile contro la leucemia.

fitoterapia e cancro

Ricercatori olandesi dell’Università di Groningen hanno dimostrato che l’apigenina, un particolare flavonoide presente in diversi fitoterapici, nonché in alcuni tipi di frutta e verdura, ha interessante proprietà antitumorali e contrasta lo sviluppo delle cellule leucemiche.

I flavonoidi o bioflavonoidi sono pigmenti di vari colori, molto diffusi nel mondo vegetale: si ritrovano in fiori, frutti e foglie di numerose specie diverse. Contengono flavonoidi fitoterapici quali camomilla, mirtillo, Passiflora incarnata, tè verde, timo, equiseto, biancospino, tiglio e molti altri prodotti d’erboristeria. Esistono più di 4.000 flavonoidi differenti, suddivisi in sottogruppi. Al sottogruppo dei flavoni appartiene l’apigenina, la sostanza che ha mostrato attività di prevenzione della leucemia.

L’apigenina è contenuta in molti vegetali di comune impiego alimentare, tra cui innanzitutto prezzemolo, sedano, carciofo e basilico.

L’apigenina, sebbene si sia rivelata utile contro la leucemia, non deve però essere assunta in contemporanea alla chemioterapia, dal momento che può diminuirne l’efficacia.

Lo studio su apigenina e leucemia è stato pubblicato sulla rivista scientifica Cell Death and Disease.

=Vuoi ricevere gratuitamente la newsletter di naturopatia del dr. Avoledo?=

Le informazioni qui riportate sono fornite a scopo puramente divulgativo e non sostituiscono in alcun modo le prescrizioni del medico nè una terapia. Al curatore di queste pagine non può essere attribuita alcuna responsabilità per eventuali conseguenze derivanti da un uso delle stesse diverso da quello meramente informativo.

Le categorie della guida