Questo sito contribuisce alla audience di

Il rabarbaro contrasta il cancro

Dal rabarbaro si potrebbero estrarre polifenoli in grado di aiutare a combattere alcuni tipi di tumore, a complemento delle usuali terapie chirurgiche e farmacologiche.

rabarbaro protegge dal cancro

Una ricerca pubblicata sulla rivista Food Chemistry da un gruppo di studiosi inglesi della Sheffield Hallam University apre nuove interessanti prospettive nella lotta contro i tumori e in particolare nell’utilità della fitoterapia nel cancro. Questo team di ricerca ha infatti scoperto che il rabarbaro contiene sostanze utili a uccidere le cellule tumorali o perlomeno a ostacolarne lo sviluppo.

Il rabarabaro, già noto in erboristeria come digestivo e lassativo, è infatti un fitoterapico particolarmente ricco in polifenoli, principi attivi in grado di contrastare la crescita del cancro.

I polifenoli rappresentano un’ampia famiglia di composti organici molto diffusa nel mondo vegetale e possiedono riconosciute e significative proprietà antiossidanti e antinfammatorie.

Abbiamo già incontrato più volte i polifenoli sulle pagine della Guida di Fitoterapia di superEva, parlando di proantocianidine e picnogenolo, cumarine, resveratrolo, quercetina, isoflavoni, catechine del tè verde e altri flavonoidi.

L’azione principale dei polifenoli è quella di contrasto ai radicali liberi in eccesso, che sono causa o concausa di molte patologie (malattie cardiovascolari, invecchiamento e, appunto, cancro).

Ora acquisiscono un ruolo di tutto rispetto anche i polifenoli del rabarbaro. I ricercatori della Sheffield Hallam University hanno anche scoperto che, cuocendo il rabarbaro al forno per venti minuti, la sua efficacia anticancro aumenta in modo importante.

I polifenoli del rabarbaro, a detta di questi studiosi, potrebbero essere impiegati per creare nuovi farmaci antitumorali, caratterizzati da minore tossicità rispetto ai trattamenti attuali.

=Vuoi ricevere gratuitamente la newsletter di naturopatia del dr. Avoledo?=

Le informazioni qui riportate sono fornite a scopo puramente divulgativo e non sostituiscono in alcun modo le prescrizioni del medico nè una terapia. Al curatore di queste pagine non può essere attribuita alcuna responsabilità per eventuali conseguenze derivanti da un uso delle stesse diverso da quello meramente informativo.

Le categorie della guida