Questo sito contribuisce alla audience di

La papaya, fitoterapico anticancro

Fitoterapia e cancro: un estratto della papaya si è rivelato efficace contro diversi tipi di tumore, perlomeno negli studi in laboratorio.

fitoterapia e cancro: la papaya è efficace contro i tumori

Uno studio dell’Università della Florida pubblicato nei giorni scorsi sul Journal of Ethnopharmacology ha scoperto che la papaya, il gustoso frutto tropicale già noto per altre proprietà salutistiche - antiossidanti, digestive ecc. -, risulta efficace anche contro i tumori, perlomeno nelle sperimentazioni in vitro (ovvero in laboratorio, su colture di cellule).

I ricercatori statunitensi hanno rilevato che un estratto delle foglie di papaya e una tisana con queste preparata hanno evidenti proprietà anticancro nei confronti di un’ampia varietà di tumori, confermando così le esperienze di diverse etnomedicine e tradizioni erboristiche popolari, specialmente di Asia e Australia.

Il team di ricerca dell’Università della Florida guidato da Nam Dang - originario proprio del Vietnam, in cui l’estratto di papaya è utilizzato da sempre nella medicina popolare - ha documentato gli effetti anticancro della papaya contro i tumori della cervice, del polmone, del fegato, del seno e del pancreas.

L’estratto impiegato nella sperimentazione è stato ottenuto da foglie essiccate di papaya e gli effetti sono stati più forti quando le cellule hanno ricevuto dosaggi più elevati di infuso di foglie di papaya. I ricercatori hanno esposto dieci diversi tipi di colture di cellule cancerose a quattro differenti concentrazioni di estratto di foglie di papaya, valutandone gli esiti dopo 24 ore: la papaya ha rallentato la crescita tumorale in tutte e dieci le colture.

Nam Dang e gli altri scienziati hanno scoperto che l’estratto di foglie di papaya stimola la produzione di molecole quali le citochine di tipo Th1, che aiutano la risposta immunitaria dell’organismo, evidenziando nel contempo che questo trattamento naturale non ha effetti tossici sulle cellule sane, né gli effetti collaterali di molti usuali terapie contro il cancro.

La papaya è solo l’ultimo prodotto fitoterapico in ordine di tempo a rivelarsi promettente contro il cancro. I fitoterapici e gli altri rimedi naturali che hanno già dimostrato una qualche forma di efficacia nella prevenzione e nel trattamento complementare del cancro sono ormai molti. Ecco tutti quelli di cui abbiamo dato notizia sulle pagine della Guida di Fitoterapia e della Guida di Naturopatia:

- Il rabarbaro contrasta il cancro
- Fitoterapia e cancro: flavonoidi per prevenire la leucemia
- Tè verde nella prevenzione del cancro al polmone
- Funghi medicinali giapponesi: immunostimolanti e rivitalizzanti
- Cioccolato contro il cancro
- Rischio di cancro alla vescica e selenio
- Le proprietà protettive del selenio
- Acidi grassi omega 3 contro il tumore alla prostata
- Essiac: è pericoloso o è solo allarmismo?
- Ginseng contro la stanchezza dei malati oncologici
- Gli antiossidanti in chemioterapia

=Vuoi ricevere gratuitamente la newsletter di naturopatia del dr. Avoledo?=

Le informazioni qui riportate sono fornite a scopo puramente divulgativo e non sostituiscono in alcun modo le prescrizioni del medico nè una terapia. Al curatore di queste pagine non può essere attribuita alcuna responsabilità per eventuali conseguenze derivanti da un uso delle stesse diverso da quello meramente informativo.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Profilo di Peter Forster

    Peter Forster

    15 Mar 2010 - 20:52 - #1
    0 punti
    Up Down

    Ce ne sono innumerevoli fitosostanze (e ancora di più delle altre), che in vitro (nella provetta) dimostrano degli effetti cancerosupprimenti.

    Malauguratamente è molto raro che una di queste sostanze abbia lo stesso effetto in un tessuto reale e ancora più raro che si riesca ad applicare tale sostanza senza modifiche metaboliche e in concentrazioni utili vicino alle cellule cancerogene.

    A cosa serve terapeuticamente una tale notizia? Per creare un ulteriore voce sulla lunga lista di speranze che andrà a finire in dellusione?

    Il dott. Nam Dang ci farà sapere tempestivamente quando riuscirà a dimostrare, che il suo preparato funziona anche in vivo e canterà vittoria su tutti canali televisivi se trova poi anche un modo di applicazione promettente.

    Mi sento disturbato di tali qualunquismi: le posso p.es. anche dimostrare, che la benzina è altamente cancerosupprimente in vitro, e allora?

    Peter Forster
    Medico naturista

    ——————————————————–
    Si tratta di una notizia battuta da tutte le agenzie di stampa nei giorni scorsi e che, come sito che si occupa di fitoterapia, segnaliamo per dovere di cronaca. Senza creare illusioni o inutili speranze, come è nostra abitudine e come è evidente a chiunque legga, anche distrattamente, l’articolo soprariportato, in cui si parla di studi in vitro fin dal sottotitolo. Se la sua suscettibilità è tanto elevata da far sì che venga disturbato dal semplice report di una ricerca scientifica, non deve far altro che passare oltre.
    Dr. Luca Avoledo
    Naturopata

  • Antonio G. Traverso

    03 Aug 2010 - 20:39 - #2
    0 punti
    Up Down

    Sono d’accordo con il Dr. Peter Forster.
    Notizia inutile sino a quando non vi sono prove scientifiche che ne dimostrino l’efficacia terapeutica.
    Un altro business per le aziende che a breve produrranno prodotti contenenti foglie di Papaia ( vedi Aloe ecc.)
    Dr. Antonio G. Traverso
    Naturopata e Nutrizionista

    ——————————————————–
    Sono lusingato dall’attenzione che queste pagine suscitano in colleghi naturopati. Resto tuttavia fortemente stupito dal fatto che professionisti del settore si lamentino della mancanza di scientificità, quando la naturopatia ha tanti aspetti fondanti tutt’altro che scientifici (o ai quali perlomeno la scienza non è ancora riuscita a dare spiegazione), primo tra tutti il concetto di energia vitale. Lo stesso test E.A.V. per la ricerca delle intolleranze alimentari, così come l’iridologia - entrambi strumenti che il dottor Traverso utilizza nella sua professione quotidiana - sono considerati oggi, dalla stessa scienza a cui Traverso fa riferimento, del tutto privi di attendibilità.
    Dr. Luca Avoledo
    Naturopata

  • vianmasci

    31 Dec 2010 - 21:08 - #3
    0 punti
    Up Down

    Francamente a me paziente oncologico la notizia “anticancro” della papaya come di altre sostanze non dà fastidio. Posso dire, semmai, che mi serve di stimolo a tener duro e ad avere fiducia nella scienza e nei suoi operatori che prima o poi tireranno fuori qualcosa divalido ed efficace. Disitnti saluti

Le categorie della guida