Questo sito contribuisce alla audience di

Gli isoflavoni di soia non interferiscono con la tiroide

Una ricerca scientifica smentisce nettamente che i fitoterapici a base di isoflavoni di soia, assunti da molte donne in postmenopausa, possano aumentare il rischio di ipotiroidismo.

isoflavoni di soia tiroide ipotiroidismo

Le donne con problemi di funzionalità tiroidea - e ancor più se con ipotiroidismo conclamato - ricevono in genere il divieto di assumere soia, in quanto ritenuta responsabile di inibire l’attività della tiroide.

Uno studio pubblicato su Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism già diverse settimane fa (che però non ha avuto il giusto risalto sui media) sgombra finalmente il campo da equivoci e pregiudizi: gli isoflavoni di soia non aumentano in alcun modo il rischio di ipotiroidismo.

Gli isoflavoni di soia rappresentano il più diffuso integratore fitoterapico suggerito per contrastare i disturbi che possono accompagnare la menopausa (ma deve essere precisato che questi fitoestrogeni naturali sono anche utili per regolarizzare il ciclo della donna in età fertile). Erano tuttavia sospettati di provocare un rallentamento della funzionalità della tiroide e quindi controindicati in tutte quelle situazioni di ipotiroidismo clinico e subclinico.

Un team di ricercatori dell’Università di Messina, che già in passato aveva studiato gli isoflavoni di soia scoprendo che gli isoflavoni aumentano la densità ossea delle donne in postmenopausa, ha invece dimostrato che questi fitoestrogeni non interferiscono con l’attività della tiroide.

Lo studio, randomizzato e confrontato con placebo, ha riguardato quasi 400 donne in postmenopausa, a cui sono stati somministrati per due anni (e in alcuni casi anche per tre) mg 54 al giorno del fitoestrogeno genisteina o un placebo.

In nessun caso sono state rilevate alterazioni degli ormoni tirodei (T3, T4, TSH), degli autoanticorpi (antitireoperossidasi, antitireoglobulina e antiantigene microsomiale tiroideo), nonché dei livelli di espressione dei recettori degli ormoni tiroidei.

=Vuoi ricevere gratuitamente la newsletter di naturopatia del dr. Avoledo?=

Le informazioni qui riportate sono fornite a scopo puramente divulgativo e non sostituiscono in alcun modo le prescrizioni del medico nè una terapia. Al curatore di queste pagine non può essere attribuita alcuna responsabilità per eventuali conseguenze derivanti da un uso delle stesse diverso da quello meramente informativo.

Le categorie della guida