Questo sito contribuisce alla audience di

M@gm@: un'eccellente rivista on line

M@gm@, rivista elettronica trimestrale di Scienze Umane e Sociali, è il progetto editoriale dell'Osservatorio dei Processi Comunicativi, associazione culturale scientifica senza scopo di lucro. La rivista, fondata e diretta dal Sociologo Orazio Maria Valastro, è pubblicata e diffusa su internet e si propone di promuovere la collaborazione e la partecipazione di esperti e cultori delle metodologie e degli approcci qualitativi, in vari ambiti delle scienze umane e sociali, contribuendo alla produzione di un insieme complessivo di conoscenze e di pratiche, caratterizzandosi inoltre come una comunità di pratiche, uno strumento d'approfondimento e perfezionamento.

Specializzata in metodologie e approcci qualitativi nelle scienze umane e sociali, pubblica dal 2002, con una periodicità trimestrale, delle rubriche permanenti e delle rubriche tematiche i cui contenuti sono disponibili integralmente sul sito internet dell’Osservatorio dei Processi Comunicativi.

La rivista è navigabile in modalità on_line, le pagine web ad accesso libero permettono la lettura full text degli articoli pubblicati, diffusi in formato .html e in formato .pdf, facilitandone il loro download e al tempo stesso permettendone la loro archiviazione e lettura off_line.

La missione del progetto editoriale

I contenuti pubblicati sulla Rivista rimandano nella loro impostazione teorica all’ambito disciplinare delle Scienze Umane e Sociali e si connotano per il taglio metodologico di tipo qualitativo. La Rivista cura la qualità dei contributi pubblicati. Questi riflettono lo sviluppo attuale degli orientamenti teorici e metodologici su una pluralità di ambiti professionali e contesti sociali: dalla ricerca sociale agli interventi formativi, dallo studio delle problematiche sociali all’intervento professionale nei contesti sociali e culturali. La Rivista tutela i lettori sull’elevato profilo culturale e professionale degli autori dei contributi.

Il progetto editoriale si connota per la multidisciplinarietà della sua proposta e promuove la declinazione trasversale degli approcci e delle metodologie qualitative nelle scienze umane e sociali: dall’ambito sociologico, antropologico ed educativo, a quello filosofico, psicologico e medico, includendo la vasta gamma degli ambiti disciplinari frutto della loro reciproca contaminazione.

La rivista vuole rappresentare questo particolare interesse verso gli approcci e le metodologie qualitative, per accedere all’esperienza sociale e comprenderla recuperando quelle dimensioni sociali, mitiche, reali e storiche del pensare e dell’agire, che richiedono una pluralità delle prospettive e degli orientamenti, una lettura multi disciplinare e comprendente connessa ad una socio antropologia dell’immaginario sociale.

Si cerca inoltre di coniugare teoria e pratica, approcci teorici e analisi empirica, concependo l’intervento professionale, dalla ricerca sociale agli interventi formativi, dall’analisi all’intervento nei contesti sociali e culturali, come osservazione, interpretazione critica e cambiamento partecipato della vita quotidiana.

Uno spazio interdisciplinare di confronto e collaborazione

La rivista, a carattere tecnico scientifico e professionale, si propone di sviluppare uno spazio interdisciplinare di confronto e collaborazione. Si rivolge agli studenti universitari ed ai dottorandi, ai ricercatori, agli studiosi ed ai professionisti che operano nel settore delle scienze umane e sociali (antropologi, etnologi, formatori, operatori sociali e culturali, pedagogisti, psicologi, ricercatori sociali, sociologi), proponendo delle tematiche specifiche, relative alle loro attività di studio e di ricerca, connesse all’applicazione degli approcci e delle metodologie qualitative.

La Redazione della rivista intende valorizzare e incoraggiare la partecipazione degli studenti universitari e dei dottorandi, insieme a quelle figure maggiormente competenti che ricoprono un ruolo considerevole nelle istituzioni universitarie, sostenendo anche la collaborazione di quei ricercatori, professionisti e operatori sociali e culturali che svolgono la loro attività non necessariamente in un contesto universitario. La rivista sollecita la collaborazione di studiosi, professionisti, ricercatori universitari, operatori sociali e culturali, studenti universitari e cultori della materia, facendo coesistere delle proposte editoriali di testi specializzati e specialistici, insieme alla valorizzazione d’autori e autrici giovani e inediti.

M@gm@ si pone dunque come uno spazio interdisciplinare di comunicazione, riflessione e collaborazione, uno strumento di formazione e perfezionamento che attraverso il confronto d’esperienze e approcci intende contribuire alla produzione di conoscenze e pratiche condivise.