Questo sito contribuisce alla audience di

L'uso dei puntatori nel Fortran 2

Continuaiamo ad analizzare le strutture di dati dinamici

fortran 90,intel fortran,visual fortran,compilatore fortran

Il programma che segue indica le caratteristiche di base dei puntatori del Fortran 90:

program TryPointers
   integer, pointer :: p, q
   integer, target :: n
   integer m

   n = 5

   p => n
   q => p

   allocate( p )
   p = 4

   m = p + q + n

   print *, "m = ", m
end program TryPointers

Il programma di cui sopra illustra molti concetti chiave nella progettazione dei puntatori del Fortran 90. Vediamone alcuni:

- La dichiarazione p = n> viene chiamata una dichiarazione puntatore di assegnazione, ed è utilizzata per associare il target, n, con il puntatore, p. Questo è possibile perché n è stata dichiarata con l’attributo target. In effetti, p è un alias per n e può essere utilizzato come è usato n (p può essere pensato come “punta a n”).

-Rispetto a quella precedente la seguente dichiarazione, q => p, è totalmente diversa. Nella dichiarazione precedente di assegnazione di un puntatore, un puntatore è associato a una variabile non-pointer, n. Tuttavia, questa dichiarazione di assegnazione puntatore contiene le variabili che sono puntatori su entrambi i lati destro e sinistro. In questo caso, q è associato conil target di p, cioè n, piuttosto che p stesso.

-L’assegnazione dichiarazione viene usata per allocare dinamicamente lo spazio per un target e associare il puntatore con il target. Quindi, assegnare (p) significa riservare spazio per un target numero intero che è associato a p. In questo momento, i contenuti del target non sono definiti. Il precedente target di p, n, non è influenzata. Allo stesso modo, poichè q non è associato a p,il target di q è inalterato.

Link correlati all’argomento

- I compilatori Fortran

- Programmare con Fortran

- Elementi di calcolo numerico con il Fortran

- Esercizi sul Fortran 90