Questo sito contribuisce alla audience di

La morfologia della superficie di velivoli dimessi

Thomas Florschuetz – Jets

Jets Nella serie Jets Thomas Florschuetz esplora con la lente della sua macchina fotografica le qualità tattili e morfologiche della superficie di velivoli dimessi. Egli riporta sul piano rettangolare della fotografia linee e aree di colore, riverberi e assorbimenti di luce, come se componesse un dipinto con l’ausilio della sezione aurea. Tanto che le sue immagini
acquistano un’evidente qualità fotografica, una volta superata la prima impressione di trovarsi di fronte a fotografie di quadri, solo nel momento in cui appaiono stampate in grandi dimensioni su carta lucida e montate sotto una lastra di plexiglas. Il procedimento di realizzazione dell’opera si concentra sull’ingrandimento dei particolari e sulla replica dei
soggetti da punti di vista leggermente diversi, così che i jet assumono una qualità astratta.

Dove: Galleria Enrico Astuni - Via Iacopo Barozzi 3 · 40126 Bologna
Periodo: sino al 15 luglio 2009
Orari: dal martedi al sabato nei seguenti orari: 10.00-13.00 e 15.00-19.00, domenica e lunedì su appuntamento.
Info: 051-4211132, info@galleriaastuni.it · www.galleriaastuni.com

Gli aerei non vengono infatti mai mostrati interamente, ma piuttosto estrapolati dalla loro monumentalità originaria e posti come elementi visivi non descrittivi. A ragione, si può quindi dire che la lettura dell’artista è inserita nell’immediatezza dell’atto del vedere che per lui si trasforma in un processo vitale.

Come un miraggio nel deserto dell’Arizona, migliaia di aerei da uso civile e militare, satelliti e missili a testata appaiono allineati vicino a Tucson in file ordinate raccolte in immensi raggruppamenti che formano uno dei più importanti epicentri dell’aviazione mondiale.

Luogo di attrazione turistica che testimonia un’era tecnocratica dal lustro ormai consunto, l’arsenale in disuso si è qui trasformato in una zona più simile a un cimitero paleontologico, dove le fatali macchine da guerra escono dalla storia ed entrano nel parco tematico.

Come tutte le vestigia culturali offerte al turismo di massa, una volta persa la loro funzione originaria i jet si trasformano in simulacri del passato e diventano ricettacoli ideali per la creazione di altri racconti.

Mettendo in rilievo i segni del declino del tempo quali le abrasioni e la patina Jets critica la corsa alla supremazia tecnologica.

Thomas Florschuetz nasce a Zwickau, Sassonia, nel 1957. Dal 1982 risiede a Berlino. Mostre personali (selezione): BALTIC Centre for Contemporary Art, Gateshead (2004) e Hamburger Bahnhof, Berlino (2001–02). Mostre di gruppo (selezione): ZKM, Karlsruhe; Akademie der Künste, Berlino (2000); MoMA, New York (1989-90, 1993 e 1998); Martin-Gropius-Bau, Berlino (1997); Frankfurter Kunstverein, Francoforte sul Meno; Tate Gallery, Liverpool (1993); MoMA, San Francisco (1990).