Questo sito contribuisce alla audience di

31 gennaio 2005 - REGGIO EMILIA PalaSport

Franco Battiato, il "filosofo" della canzone d'autore italiana, il prossimo 31 gennaio sarà per la prima volta in concerto al Palasport di Reggio Emilia.






Se da alcuni anni siamo piacevolmente abituati ad assistere ai concerti di Franco Battiato in periodo estivo, quest’anno, proprio sull’onda del successo dell’ultimo album “Dieci Stratagemmi”, il tour viene anticipato ai primi mesi del 2005 nei palazzetti di numerose città italiane, allestiti il più delle volte a sala teatrale. Tutto avrà inizio a Milano il 24 e 25 gennaio 2005 con un doppio appuntamento all’Alcatraz, unico locale differente dal palazzetto ma scelto di proposito da Battiato, affascinato dall’atmosfera postmoderna del luogo, sala ormai deputata al rock d’autore. Sarà infatti un concerto di pure rock quello che Battiato, con la sua band, ci proporrà nei prossimi mesi: un repertorio essenzialmente concentrato, appunto, sui nuovi brani di “Dieci Stratagemmi”, ma anche spazio per pietre miliari del suo repertorio tratte dagli album “L’Imboscata”, “Gommalacca”, “Ferro Battuto”. L’organizzazione del concerto di Battiato sarà curata da Arci Spettacoli che con questa proposta conferma il suo impegno di sempre nell’ambito della “canzone d’autore”; un impegno che l’ha vista realizzare negli ultimi anni ed in diversi ambiti cittadini anche i concerti di personaggi come Paolo Conte, Francesco Guccini, Roberto Vecchioni, Fabrizio De Andrè, Ivano Fossati, Lucio Dalla ed altri giovani emergenti; l’attenzione dell’Arci di Reggio Emilia continua dunque ad essere alta rispetto ad un genere musicale nel quale possiamo vantare diversi artisti non di rado apprezzati anche all’estero. Franco Battiato, musicista e autore tra i più singolari e carismatici del panorama italiano, presenterà a Reggio Emilia un concerto che avrà in scaletta le sue canzoni più note ed amate dai numerosissimi fans ed i brani del suo ultimo lavoro discografico, Dieci Stratagemmi (Sony Music). Dieci Stratagemmi è un lavoro che intreccia con abilità ed intelligenza pop ed impegno e che testimonia una volta di più il notevole eclettismo del musicista siciliano.
“Dieci Stratagemmi tour” prenderà il suo avvio alla fine di gennaio. La data di Reggio Emilia risulterà tra le primissime dell’intero tour e sarà una delle due sole che Battiato ha riservato all’intera Emilia-Romagna. Il nuovo lavoro discografico di Franco Battiato è già stato premiato dal pubblico con il primo posto delle classifiche di vendita ed ha ottenuto ottimi riscontri da parte della critica specializzata che, in alcune occasioni, ha definito il disco “un autentico capolavoro”. L’album si è rivelato particolarmente ispirato fin dal primo “assaggio” (il brano “Ermeneutica”) la cui diffusione in anteprima era avvenuta qualche tempo fa a mezzo internet e facendo registrare un numero straordinariamente elevato di contatti via web. Il primo singolo radiofonico “Tra sesso e castità” ha in seguito utilizzato canali promozionali più tradizionali, venendo programmato con grande frequenza da parte dei principali network radiofonici italiani ed anche in questo caso l’accoglienza del pubblico è risultata di prim’ordine; in considerazione del fatto che si tratta di un brano di grande intensità, per nulla indulgente al facile ascolto, si può tranquillamente affermare che il successo radiofonico di “Tra sesso e castità” è un avvenimento eccezionale, più unico che raro nel campo della musica popolare contemporanea italiana. Maggiori informazioni sono disponibili al numero 0522 33 23 36.






DIECI STRATAGEMMI - TOUR 2005
MANLIO SGALAMBRO – VOCE
CARLO GUAITOLI – PIANOFORTE
ANGELO PRIVITERA – TASTIERE E PROGRAMMAZIONE
DAVIDE FERRARIO – CHITARRA
STEFANO SPALLANZANI – BASSO
ANDREA POLATO – BATTERIA
GIORGIO MASTROCOLA - SECONDA CHITARRA
con la partecipazione di KUMI C. WATANABE – VOCE

X Stratagemmi Tour

24/25 gennaio Milano - Alcatraz
26 gennaio Pavia - Palasport
28 gennaio Torino - Palaruffini
29 gennaio Brescia - Palafiera
31 gennaio Reggio Emilia - Palasport
1 febbraio Bologna - Paladozza
2 febbraio La Spezia - Palasport
4 febbraio Genova - Mazdapalace
5 febbraio Cuneo - Palasport
7 febbraio Napoli - Palapartenope
9 febbraio Reggio Calabria - Palasport
11 febbraio Perugia - Palasport
12 febbraio Rimini - 105 Stadium
14/15 febbraio Roma - Gran Teatro
17 febbraio Firenze - N. Mandela Forum
18 febbraio Verona - Palasport
19 febbraio Bellinzona (Svizzera) - Palazzetto
21 febbraio Treviso - Palaverde

Biografia:






Franco Battiato è nato a Jonia (Catania).
Dopo i primi anni ’70 dedicati alla musica elettronica e sperimentale (Fetus, Pollution…), Battiato compie le sue prime ascensioni sonore con album più sostanziosi come Sulle corde di Aries, Clic e Mademoiselle le gladiator.
La sua fase di ricerca e di sperimentazione più “arrabbiata” è della seconda metà degli anni Settanta, con arditi dischi per la Ricordi.
Album come L’era del cinghiale bianco, Patriots, La voce del padrone e L’arca di Noè lo proiettano verso un successo da rockstar, con vendite da capogiro.
Ma quasi per controbilanciare tanta sfacciata fortuna terrena, Battiato si dedica ai suoi miti celesti e all’approfondimento interiore, via Gurdjieff e gli antichi saggi della cultura sufista. Inizia anche a fare l’editore di libri esoterici, con la sua piccola casa editrice L’Ottava.
Con la prima opera lirica Genesi, nel 1987 inaugura una doppia carriera di compositore serio, usando linguaggi più “alti”.
Gilgamesh del 1992 è la sua seconda e più matura opera lirica.
Altri album importanti per la Emi, tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio dell’ultimo decennio, sono Fisiognomica, Giubbe rosse, Come un cammello in una grondaia, che contiene tra l’altro l’interpretazione ‘leggera’ di quattro lieder romantici di Beethoven, Brahms, Wagner e Martin-Berlioz, e Caffè de la Paix.
Nel 1994 Battiato inaugura un’intensa collaborazione e un proficuo scambio culturale col filosofo Manlio Sgalambro, che scrive il libretto dell’opera teatrale Il cavaliere dell’Intelletto dedicata a Federico II. I due congegnano insieme anche un primo album di canzoni, L’ombrello e la macchina da cucire.
L’Imboscata, uscito nel 1996, è il primo capitolo della “nuova era” con la casa discografica Polygram (oggi Universal Music). Nel 1997 ha curato la regia de “Gli Schopenhauer”, commedia pessimistica di Manlio Sgalambro. A settembre del 1998 esce Gommalacca, contenente il singolo di grande successo “Shock in my town”, album che ha proseguito il discorso musicale iniziato con L’imboscata, arricchendolo ulteriormente di sonorità dure e spigolose.
Il 22 ottobre 1999 viene pubblicato Fleurs, album nel quale Franco Battiato interpreta 10 canzoni altrui e 2 inediti, e che gli vale la targa di Miglior Interprete all’edizione 2000 del Premio Tenco. Campi magnetici, la musica per balletto che Franco Battiato ha composto per il Maggio Musicale Fiorentino, diventa un CD pubblicato il 9 giugno 2000 da Sony Classical.
Il 13 aprile 2001 esce invece il primo album di musica pop di Franco Battiato per l’etichetta Columbia/Sony Music dal titolo Ferro battuto. Scritto a quattro mani con il filosofo Manlio Sgalambro, l’album contiene 10 brani prodotti e arrangiati dallo stesso Battiato. Nove brani inediti su dieci, con la partecipazione di alcuni prestigiosi “ospiti”, primo fra tutti Jim Kerr dei Simple Minds, che duetta con Battiato in Running against the grain, poi la voce di Natacha Atlas e gli archi della London String Orchestra. Il 30 agosto 2002 esce Fleurs3, prosecuzione ideale del primo disco di cover. E’ primo in classifica e si segnala tra i 20 album più venduti del 2002. Parallelamente Battiato scrive insieme a Sgalambro, la sceneggiatura di Perduto Amor, film opera prima dell’eclettico musicista siciliano. Il film, uscito nelle sale nel maggio 2003, narra il percorso formativo di un bambino/ragazzo siciliano nella Sicilia e nella Milano degli anni 50 e 60. Nell’ottobre 2003 esce il doppio album-live Last summer dance registrato durante il Tour dell’estate 2003.
Nell’aprile 2004 Franco Battiato vince, con il suo Perduto Amor, il Nastro d’argento come miglior regista italiano esordiente. Il 1^ ottobre 2004 esce il nuovo album di canzoni inedite Dieci Stratagemmi che entra subito al 1^ posto nella classifica degli album più venduti.
Tra i prossimi lavori, il debutto televisivo con una trasmissione ideata e condotta personalmente da Franco Battiato dal titolo “Bitte Keine Reklame” produzione per Rai Futura, Rai 2 e la collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri per l’Esposizione Universale di Aichi nel 2005.






DISCOGRAFIA CLASSICA
GENESI (OPERA – 1987)
BENVENUTO CELLINI musiche per il film “Una vita scellerata” (1990)
GILGAMESH (OPERA – 1992)
MESSA ARCAICA (1994)
CAMPI MAGNETICI (musiche per balletto – 2000)

DISCOGRAFIA POP
(S= singolo; A= Album; D.A. = doppio album)

L’AMORE E’ PARTITO (1965)
E PIU’ TI AMO (1965)
LA TORRE (1967)
TRISTE COME ME (1967)
VENTO CALDO-MARCIAPIEDE) (1971)
E’ L’AMORE – FUMO DI UNA SIGARETTA (1968)
SEMBRAVA UNA SERATA COME TANTE (1969)
BELLA RAGAZZA – OCCHI D’OR (1969)
FETUS (A. 1971)
LA CONVENZIONE (S. 1971)
ENERGIA – UNA CELLULA (S. 1972)
POLLUTION (A. 1972)
SULLE CORDE DI ARIES (A. 1973)
CLIC (1974)
MADEMOISELLE LE GLADIATOR (A. 1975)
BATTIATO (1976)
JUKE BOX (1977)
L’EGITTO PRIMA DELLE SABBIE (A. 1978)
L’ERA DEL CINGHIALE BIANCO (A. 1979)
PATRIOTS (A. 1980)
LA VOCE DEL PADRONE (A. 1981)
L’ARCA DI NOE’ (A. 1982)
ORIZZONTI PERDUTI (A. 1983)
MONDI LONTANISSIMI (A. 1985)
FISIOGNOMICA (A. 1988)
GIUBBE ROSSE (D.A.live 1989)
COME UN CAMMELLO IN UNA GRONDAIA (A. 1991)
CAFFE DE LA PAIX (A. 1993)
UNPROTECTED (A. live 1994)
L’OMBRELLO E LA MACCHINA DA CUCIRE (A. 1995)
BATTIATO STUDIO COLLECTION (D.A. raccolta 1995)
L’IMBOSCATA (A. 1996)
GOMMALACCA (A. 1998)
FLEURS (A. 1999)
FERRO BATTUTO (A. 2001)
FLEURS 3 (A. 2002)
LAST SUMMER DANCE (D.A. live 2003)
DIECI STRATAGEMMI (A. 2004)

www.dilloadalice.it

Le categorie della guida