Questo sito contribuisce alla audience di

C'erano una volta i cantautori italiani.ed oggi?

Oggi purtroppo molti di essi non ci sono più, altri hanno deluso amaramente per via gli ultimi lavori e solo pochi resistono e sanno rendersi comunque attuali, nonostante il passare inesorabile del tempo.

Un artista che non ha mai smesso di
confezionare ottimi album si chiama Franco Battiato. Da sempre il cantante
siculo, nato nel 1954 a Jonia, piccolo paesino in provincia di Catania,
affascina grazie a melodie particolari e testi molto ricercati. Dopo anni ed
anni di successi e clamore Battiato, uomo dalle grandi capacità artistiche,
come dimostrano pure i suoi film, le sue opere classiche ed i suoi dipinti,
decide, anche se sembra più un’operazione commerciale pianificata dalla casa
discografica, che è tempo per un nuovo disco dal vivo. Benché Giubbe Rosse
conservi ancora un certo fascino e Last Summer Dance rimanga uno dei live
più completi degli ultimi anni esce quindi Un Soffio Al Cuore Di Natura
Elettrica, in due formati, entrambi composti da un cd ed un DVD.

CD:
La canzone che apre il disco dimostra da sola quanta eleganza e raffinatezza
ci sia nei lavori di Battiato. Come Away Death è infatti un testo scritto da
William Shakespeare, tratto da La Dodicesima Notte, con il quale il
cantautore ha deciso di aprire ogni concerto del suo ultimo tour. Il
pubblico esplode poi sentendo le prime note di Tra Sesso E Castità, seconda
traccia di Un Soffio Al Cuore Di Natura Elettrica. La song è tratta dall’
ultimo controverso album di Battiato, Dieci Stratagemmi, nel quale figura
come opener. L’intepretazione della canzone è impeccabile e mette in mostra
un Battiato in grandissima forma. Strani Giorni risale invece al 1996, anno
un cui uscì L’Imboscata. La composizione è davvero singolare per via della
voce di Franco che, cantando in italiano, si alterna ad un’altra soave voce
femminile, la quale si esprime invece in lingua inglese. L’effetto finale è
eccezionale ed il pubblico sembra infatti gradire l’esecuzione dal vivo. L’
album è ricco di collaborazioni e I’m That non è altro che il risultato di
una di esse. Battiato duetta in questo caso con la bellissima e sensuale
Cristina Scabbia, singer dei Lacuna Coil. Il brano è ricco di elementi
elettronici ma anche di passaggi prettamente classici, come lo stacco di
piano finale. Auto Da Fè, risalente al 1998 e contenuta in Gommalacca, viene
invece interpretata dal solo Battiato, accompagnato, come sempre, da degli
ottimi musicisti. La potenza che ogni singola canzone acquisisce dal vivo è
impressionante ed è soprattutto merito di una batteria più incisiva che mai.
La track numero sei, dotata di un titolo che potrebbe benissimo
rappresentare da sola un’intera filosofia, Le Aquile Non Volano A Stormi, si
rivela uno dei momenti più toccanti ed evocativi di Un Soffio Al Cuore Di
Natura Elettrica. La collaborazione fra Battiato e Kumi Watanabe, artista
orientale, dà i suoi frutti, anche e specialmente in sede live.
Riconoscibile fin dalle primissime note è Shock In My Town, uno dei pezzi
più amati degli ultimi anni dai numerosi fan dell’artista siciliano. La hit
possiede già in sé un certo fascino ma in questa occasione risulta ancor più
emozionante che nella versione in studio. Sono le canzoni più recenti ad
essere preferite durante i vari show dell’ultimo tour e Odore Di Polvere Da
Sparo, tratta, come già molte altre, da Dieci Stratagemmi, conferma questa
scelta. La mancanza di numerosi classici del repertorio di Battiato può far
discutere ma la qualità delle nuove tracce è inconcepibile e l’
interpretazione dal vivo altrettanto. Sarcofagia risale al 2001 e mette in
risalto il contrasto fra la delicata voce di Franco e la grinta dei vari
musicisti che lo accompagnano. Le tastiere sono sempre in primo piano, come
d’altronde tutti gli strumenti, specialmente la sezione ritmica. La decima
track è sicuramente una tra le più dolci e romantiche canzoni di Battiato.
La Cura, uscita nel 1996 sull’album L’Imboscata, appare quindi come l’
istante più commovente di Un Soffio Al Cuore Di Natura Elettrica. L’
esecuzione è impeccabile ed il pubblico giustamente accoglie e saluta La
Cura con una vera e propria ovazione collettiva. La Porta Dello Spavento
Supremo è autentica poesia musicata e, nonostante il silenzio di sorpresa
iniziale, sono molti gli applausi riservati a Battiato ed alla sua band.
Seguono Il Mantello E La Spiga ed E’ Stato Molto Bello, entrambe del 1998,
nelle quali si riscopre, sebbene in modo alquanto diverso, l’importanza dell
‘elettronica nella musica di Battiato. D’altronde Gommalacca è tutt’ora un
disco molto innovativo e ricco di elementi freschi ed originali. Finalmente
un successo storico, finalmente Voglio Vederti Danzare, brano che spacca in
modo vivace e spensierato la seriosità che si era andata a creare traccia
dopo traccia. Battiato si diverte e fa divertire sia gli spettatori che i
musicisti stessi, che si esibiscono a loro volta in una performance davvero
devastante. La versione live di Voglio Vederti Danzare è perciò quanto di
più intenso si possa chiedere ad un artista così placido e composto come
Franco Battiato. La penultima track, Impressioni Di Settembre, risale al
2002, anno in cui uscì Fleurs 3, da cui non poteva certo essere estratto
brano migliore. Ottima interpretazione comunque, proprio come per la
conclusiva Cuccuruccuccu. Il pezzo del 1981 viene riproposto qui, seguendo
quelli che sono ormai gli standard dell’intero disco, in una versione più
aggressiva e tirata. Il concerto finisce poi tra applausi, emozioni vissute
e ricordi indelebili sia per il pubblico che per il grande Franco, che,
ancora una volta, ha messo cuore ed anima in ogni singola parola pronunciata
ed ogni singola movenza compiuta.

DVD:
Un Soffio Al Cuore Di Natura Elettrica è composto appunto da un cd e da un
DVD. Quest’ultimo non si presenta esplicitamente come un extra ed
inizialmente potrebbe essere considerato importante quasi come il disco
audio. Non è affatto così però: il DVD non risulta particolarmente curato se
non durante alcuni brani, come Tra Sesso E Castità ad esempio, dove ad
accompagnare l’esibizione dal vivo si trova il videoclip della hit. Il
costante gioco di luci è sicuramente piacevole e la qualità audio pressoché
perfetta, ma alcune inquadrature potevano essere risparmiate. Il concerto
scivola via piacevolmente grazie ad un Battiato protagonista, con qualche
capello in meno e qualche chilo in più, ma pur sempre il grande artista che
tutti conoscono. I musicisti sul palco sono quasi tutti giovanissimi e
grintosi mentre Franco, escludendo alcuni momenti di sfrenatezza durante
Voglio Vederti Danzare, sembra più rilassato e composto. Colpiscono poi
particolarmente la gestualità di Franco Battiato e l’incredibile fascino di
Cristina Scabbia, da cui lo stesso cantautore di Jonia sembra essere
distratto. Il DVD può essere gustato in due formati audio (Stereo e Surround
5.1) ma non contiene alcun extra, ennesima dimostrazione questa della
funzione solamente decorativa del DVD rispetto al cd.

Cosa si può dire quindi di questo Un Soffio Al Cuore Di Natura Elettrica?
Probabilmente si tratta di un’uscita programmata a tavolino dai dirigenti
della Sony Music e lo stesso Battiato non ha pubblicizzato granché il disco
sul suo sito web. La qualità audio dei due dischi è impeccabile mentre il
DVD poteva essere elaborato con maggiore precisione nei particolari. Ciò che
delude amaramente è tuttavia la tracklist, basata quasi esclusivamente sugli
ultimi album della discografia di Franco. Perché non dunque un doppio cd dal
vivo senza il modesto DVD? C’era veramente bisogno di un’ulteriore conferma
della bravura di Battiato pubblicando un disco live? Misteri della fede.

LINE UP:
- Franco Battiato - voce, sintetizzatori e arrangiamenti
- Davide Ferrario - chitarra
- Giorgio Mastrocola - chitarra
- Stefano Spallanzani - basso
- Andrea Polato - batteria
- Carlo Guaitoli - pianoforte e tastiere
- Angelo Privitera - tastiere e programmazione
- Pino - pinaxa
- Pischetola - programmazione

TRACKLIST:
1. Come Away Death (02:26)
2. Tra Sesso E Castità (03:32)
3. Strani Giorni (04:05)
4. I’m That (03:57)
5. Auto Da Fe’ (03:56)
6. Le Aquile Non volano A Stormi (03:41)
7. Shock In My Town (04:25)
8. Odore Di Polvere Da Sparo (03:32)
9. Sarcofagia (03:50)
10. La Cura (04:00)
11. La Porta Dello Spavento Supremo (02:38)
12. Il Mantello E La Spiga (04:14)
13. E’ Stato Molto Bello (03:55)
14. Voglio Vederti Danzare (03:27)
15. Impressioni Di Settembre (03:31)
16. Cuccuruccuccu (04:36)

http://www.rockline.it

Le categorie della guida