Questo sito contribuisce alla audience di

Cividale del Friuli

Cividale e le sue piazze, tra arte, storia, poesia, gusti e sapori , passeggiare nel passato per ricordare la dolcezza del presente e mai dimenticare...

il Duomo di Cividale

C’è una cittadina, sulle rive del fime Natisone che conserva ancor oggi un’impronta nobile ed austera dal punto di vista storico, artistico, culturale e turistico: Cividale del Friuli. L’importanza strategica di questo centro nella storia del Friuli, si è mantenuta indelebile nel corso dei secoli.

Di origine celtica, nel 53 a.C. Giulio Cesare le attribuì il nome di Forum Iulii esteso più tardi ad indicare tutta la Regione, fu capitale del primo Ducato del Regno Longobardo di Italia, vivace centro culturale durante tutto il Medioevo passando ai patriarchi di Aquileia, allo Stato Patriarcale del Friuli, alla Repubblica di Venezia, al Regno Napoleonico, all’impero Asburgico, fino all’unificazione con l’Italia.

La splendida cittadina custodisce orgogliosamente i doni preziosi del suo prestigioso passato :
- Il Palazzo dei Provveditori Veneti, eseguito sul disegno del Palladio, attualmente sede del Museo Archeologico Nazionale, ricco di reperti romani e medioevali di particolare interesse per gli stupefacenti gioielli e le armi del popolo longobardo.

- Celebre anche l’Oratorio di Santa Maria in Valle, detto anche Tempietto Longobardo, raggiungibile attraverso un breve sentiero affacciato sul fiume Natisone, l’espressione più alta dell’alto Medioevo occidentale. L’edificio, facente parte della Gastaldaga, quartiere longobardo e residenza del rappresentante del re, ebbe probabilmente funzione di cappella palatina. All’interno, pregevoli stucchi a rilievo e statuari, opera di maestranze in linea con la cultura bizantina.

- Bellissimo il Ponte del Diavolo ed imperdibile l’Ipogeo Celtico un’insieme di vari ambienti sotterranei, su diversi livelli scavati con tecniche primitive nella roccia il cui utilizzo resta un mistero, alcuni lo ritengono un un monumento funerario di epoca Celtica, altri pensano ad un carcere utilizzato in epoca romana o Longobarda.

Cividale, immersa nel verde delle colline, è conosciuta anche per i prodotti tipici delle Valli del Natisone, le castagne, i funghi e la famosa Gubana.

Per i visitatori, due importanti appuntamenti :

- La Messa dello Spadone che si celebra ogni anno il 6 gennaio nel Duomo di Cividale
- Mittelfest, nel mese di Luglio, festival di prosa, musica, danza, marionette e cinema della Mitteleuropa, a cui partecipano artisti provenienti da numerosi Paesi europei.

Cividale e le sue piazze tra arte, storia, poesia, gusti e sapori , passeggiare nel passato per ricordare oggi la dolcezza del ieri e mai dimenticare..

lmc

Foto Riprodotte a fini didattico esplicativi