Questo sito contribuisce alla audience di

Il Volto della Follia

Udine, uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita La strage si è consumata con il fucile da caccia che l'uomo deteneva regolarmente in casa

Secondo le prime ricostruzioni della Squadra Mobile, si tratterebbe di una tragedia familiare quella che si e’ consumata a Precenicco, cittadina della provincia di Udine. Un uomo di 43 anni, Tullio de Vittor, artigiano nautico, ha ucciso con un colpo di fucile sua moglie, Luisa Venturini di 38 anni, e sua figlia Ires di 6 anni, togliendosi poi la vita.

Gli inquirenti, coordinati dal Pm Del Giudice, sono ancora sul posto e al momento non sono ancora in grado di stabilire se il fatto sia successo nella notte o nella prima mattinata odierna. E in tal senso risposte verranno dall’autopsia e dagli esami esterni in corso sul luogo. La strage, riferisce la Polizia, si e’ consumata con il fucile da caccia che l’uomo deteneva regolarmente in casa. ( SuperEva News)

Un padre che si comporta come un Killer.

Tre luci che si spengono.

Li chiamano “omicidi in famiglia”, ma sono qualcosa di più. Al di là della commozione, della paura, dello sgomento, dell’incredulità di un’intera provincia resta la devastazione nel cuore di chi ha conosciuto questa famiglia.

Quando un uomo e una donna si uniscono hanno un senso di pienezza appagante, quello di un sentimento che li unisce per renderli due, liberi e uguali.

Essenza di armonia.

Poi accade qualcosa … la compagnia diventa violenza, l’affetto disprezzo, la libertà possesso.
Il Noi diventa Io, e l’Io una maschera che si confonde e che lentamente muore prima ancora di essere nata, totalmente immersa nei suoi bisogni cieca al punto da non riuscire a vedere gli altri.
Essenza di follia.

Forse quest’uomo aveva chiesto aiuto e noi non l’abbiamo ascoltato.

Guardiamo sempre noi stessi dando poco spazio a quello che ci circonda,

ma quello che ci circonda siamo noi
e come lo percepiamo.

RR Luisa Maria Carretta