Questo sito contribuisce alla audience di

Il Vento Dell'Amore

Arriva improvvisa, scende dai ripidi pendii di montagna sul mare come se non avesse il tempo di fermarsi, come se volesse sorvolare il mare e andare in altro luogo. È capricciosa, soffia con buffi improvvisi a intervalli, c’è chi la ama, chi ne fa il simbolo di una città intera, chi, quando arriva, si rifugia nei caffè per non cadere tanta è la forza e la sua violenza.

Arriva improvvisa..

scende dai ripidi pendii di montagna sul mare come se non avesse il tempo di fermarsi o come se volesse sorvolare il mare e andare in altro luogo. È capricciosa, soffia con buffi improvvisi a intervalli, c’è chi la ama, chi ne fa il simbolo di una città intera e chi, quando arriva, si rifugia nei caffè per non cadere tanta è la forza e la sua violenza.

C’è un soffio di vita che ogni anno, puntuale, arriva a Trieste: la Bora. Quando il grigio dell’autunno e i colori della nebbia si fondono con quelli del mare, quando la città sembra assonnata e l’umidità copre silenziosamente le Rive, quando ti aspetti che nulla possa più cambiare, d’un tratto, scende dall’Altopiano fino alla città, la supera veloce e vola verso il mare.

Tutto cambia: l’aria pulita, la nebbia spazzata via, l’autunno si congeda e l’aria fredda annuncia l’arrivo dell’inverno. Nelle giornate in cui la Bora spira forte raggiunge una velocità notevole, nella Sella della Bora anche superiori ai 200 km/h, ed è quasi impossibile stare in piedi.
La bora è un vento continentale, secco e freddo, ma al di là di spiegazioni metereologiche, che pur occorrono per parlarne, qualcuno si affida alla leggenda di una strega che abita nelle caverne del Carso per nascondersi alla vista degli uomini, e che uscendo dal rifugio accompagnata dal figlio Borino, nei vesi invernali devasta, con refoli violenti e gelidi, qualsiasi cosa essa trovi.

Ma la leggenda più accreditata e forse più suggestiva narra di Bora, dolce ninfa che abitava nei boschi e che d’estate soffiava per portare refrigerio agli uomini. Uomini cattivi, venuti da lontano uccisero il Dio che Bora tanto amava e lei, per vendetta e per dolore, si trasformò in vento gelido e invernale.

La bora è famosa, capita spesso di leggere articoli che la riguardano. A Trieste è stata anche costituita nell’estate del 1999 l’Associazione Museo della Bora (AMBO) che propone un’intensa attività di ricerca dei più diversi materiali tra cui testi, immagini e testimonianze relativi alla bora ed al vento più in generale


Eppure, quando la sentirete sulla vostra pelle, vi ricorderete anche di un’altra dolce leggenda che parla di lacrime di stelle e respiro di mare. Come nel quadro del Botticelli, dal respiro di Zefiro e Clori, dalla loro passione, nasceva Venere e la bellezza, l’amore narra di Bora, figlia di Vento, che conobbe un ragazzo di nome Tergesteo.

L’amore rese queste due entità un unico respiro e li fece vivere sette giorni di passione.

Vento, padre di Bora, continuò a cercare la figlia disperato, sino a quando una nuvoletta gli svelò il rifugio degli amanti.

Furente di rabbia, arrivato alla grotta, Vento uccise Tergesteo e Bora, in preda alla disperazione, cominciò a piangere. Pianse tanto che le sue lacrime diventarono dure pietre.

Ma Cielo, impietosito, fece in modo che Bora potesse rivivere i suoi sette giorni d’amore una volta l’anno…..

Sono quelli in cui, quando andrete a Trieste, incontrerete la Bora…

Luisa Maria Carretta