Questo sito contribuisce alla audience di

THE BUSINESS GAME

“The business game” è infatti un gioco a squadre di simulazione accessibile via Internet che da vita a una competizione fra aziende virtuali operanti in un mercato concorrenziale. Ogni team, composto al massimo da cinque persone, rappresenta il management di un’azienda che deve compiere scelte strategiche e operative. La leadership di mercato è misurata dalla quota di mercato conquistata e dal ritorno degli investimenti ottenuti.

THE BUSINESS GAME: DIVENTARE MANAGER GIOCANDO

ON LINE CON IMPRESE VIRTUALI

Alla gara hanno partecipato 130 squadre di 20 atenei italiani
Interverranno Alberto Felice De Toni e Gianpietro Benedetti

Imparare a diventare buoni manager giocando? All’università di Udine si può grazie a “The business game” un software che permette una efficace formazione manageriale sviluppato dal laboratorio di Ingegneria gestionale dell’università di Udine sotto la supervisione di Alberto Felice De Toni, docente di Strategia della produzione all’ateneo friulano. Uno strumento di formazione utilizzato anche da importanti realtà industriali quali l’Abs del gruppo Danieli. “The business game” è infatti un gioco a squadre di simulazione accessibile via Internet che da vita a una competizione fra aziende virtuali operanti in un mercato concorrenziale. Ogni team, composto al massimo da cinque persone, rappresenta il management di un’azienda che deve compiere scelte strategiche e operative. La leadership di mercato è misurata dalla quota di mercato conquistata e dal ritorno degli investimenti ottenuti.

Quest’anno “The business game” ha deciso di allargare i suoi confini passando dalla facoltà di Ingegneria alla gara nazionale. Il gruppo di lavoro dell’università di Udine, diretto dal prof. De Toni, coordinato da Fabio Nonino per la parte gestionale e da Alessandro Bonanni ed Elena Benedetti per gli aspetti informatici, ha organizzato la prima edizione del Business game interuniversitario, una competizione rivolta a tutti gli atenei italiani promossa in collaborazione con l’Iml Italia. Centotrenta i gruppi che vi hanno preso parte in rappresentanza di oltre venti università, fra le quali il Politecnico di Milano, la Bocconi, “La Sapienza” di Roma e la Normale di Pisa. Le prime quattro squadre avranno la possibilità di partecipare gratuitamente alla finale italiana del “Global management challenge”, una competizione internazionale a squadre basata su un Business game alla quale partecipano ventidue nazioni di tutta Europa alla quale accederà il vincitore della gara nazionale.
La premiazione dei vincitori del torneo nazionale interuniversitario “The business game” si terrà giovedì 26 gennaio alle 16 nella sala Florio di Palazzo Florio, in via Palladio 8, a Udine. il prorettore dell’ateneo friulano, Maria Amalia D’Aronco, introdurrà una tavola rotonda sul tema “I business game: uno strumento didattico per un’efficace formazione manageriale”, moderata da Giancarlo Oriani, direttore della rivista Quaderni di management. Interverranno il presidente e amministratore delegato del gruppo Danieli, Gianpietro Benedetti; i docenti dell’università di Udine, Alberto Felice De Toni, responsabile scientifico del progetto “The business game”, e Pierluca Montessoro, responsabile dei sistemi open source del progetto; Ivana Simeone, dell’area master Cuoa, e il responsabile Italia del Global management challenge, Pierre Derenemensnil. Le premiazioni si terranno alle 17.30.

«I principali obiettivi didattici di “The business game” – spiega De Toni – sono l’affinamento delle capacità decisionali in termini di tempestività ed efficacia delle scelte adottate, la confidenza con situazioni di rischio ed incertezza, l’insegnamento di tecniche di gestione, l’integrazione tra le diverse funzioni aziendali e l’orientamento all’addestramento strategico. Inoltre i business game risultano particolarmente adatti a sviluppare quella coscienza di gruppo che acquista sempre maggiore importanza in ambito lavorativo, ma che è spesso trascurata dagli strumenti formativi tradizionali».
Udine, 24 gennaio 2006
Ufficio Stampa

Immagini riprodotte a fini esplicativi

Scegli la tua meta! >>>>>

Link correlati