Questo sito contribuisce alla audience di

Donne Scienze Tecnologie

Il progetto “Donne, scienze e tecnologie” si inserisce nell’ambito delle strategie europee in tema di pari opportunità. Tre le azioni previste dal progetto elaborato dall’università di Udine: l’incentivazione delle giovani a iscriversi ai corsi di laurea in cui il loro tasso di presenza è inferiore al 50%, la riduzione del tasso di abbandono femminile in tali corsi di laurea e la facilitazione dell’ingresso delle laureate nel mondo del lavoro.

DONNE E CARRIERA SCIENTIFICA,

ASSEGNAZIONE DI 62 BORSE DA 500 EURO

Consegna dei premi su bando regionale di finanziamento tramite Fondo sociale europeo e tavola rotonda

Si terrà mercoledì 8 marzo dalle 9.30 alle 13 nell’auditorium Palamostre in piazzale Diacono a Udine la cerimonia di consegna dei premi di iscrizione del progetto “Donne, scienze e tecnologie”, per una maggiore presenza femminile nelle facoltà scientifiche, e la tavola rotonda “Donne e carriere tecnico-scientifche: esperienze a confronto”. Organizzata dall’università, dal comitato Pari opportunità e dalle facoltà di Ingegneria e Scienze matematiche, fisiche e naturali di Udine, la manifestazione si inserisce tra gli eventi collaterali di Calendidonna del comune di Udine. L’università di Udine ha partecipato al bando regionale di concorso per incentivare, attraverso l’assegnazione di borse di studio, l’immatricolazione delle donne ai corsi di laurea a carattere tecnico-scientifico delle facoltà di Ingegneria e Scienze matematiche, fisiche e naturali.

Mercoledì 8 marzo, in particolare, saranno assegnati 62 premi regionali da 500 euro, finanziati tramite il Fondo sociale europeo. I premi sono stati distribuiti sulla base del voto di maturità, del corso di laurea prescelto e del reddito delle studentesse immatricolate nell’anno accademico 2005-2006. Le domande pervenute sono state 57 per la facoltà di Ingegneria e 25 per Scienze. Il progetto “Donne, scienze e tecnologie” si inserisce nell’ambito delle strategie europee in tema di pari opportunità. Tre le azioni previste dal progetto elaborato dall’università di Udine: l’incentivazione delle giovani a iscriversi ai corsi di laurea in cui il loro tasso di presenza è inferiore al 50%, la riduzione del tasso di abbandono femminile in tali corsi di laurea e la facilitazione dell’ingresso delle laureate nel mondo del lavoro.

L’iniziativa prende atto, da un lato, del preoccupante fenomeno a livello nazionale del calo delle immatricolazioni ai corsi di laurea di tipo tecnico-scientifico, a fronte di una crescente richiesta di laureati in questi ambiti. Dall’altro lato, del fatto che dati statistici evidenziano gli ottimi risultati delle studentesse anche nei percorsi tecnico-scientifici. «Le donne che intraprendono la carriera scientifica – ricorda Marina Brollo, presidente del comitato Pari opportunità dell’ateneo di Udine e docente di diritto del lavoro – pur essendo per motivi storici, culturali e sociologici decisamente meno attratte da una carriera di questo tipo, sono tuttavia più determinate nel portare avanti le proprie scelte».

In occasione della cerimonia di assegnazione delle prime borse, si vuole riflettere sulle ragioni della scarsa presenza delle donne nelle carriere scientifiche, sulle misure da adottare per rimuovere gli ostacoli, nonché offrire nuovi modelli di riferimento alle studentesse delle scuola superiori. Alle 9.30 porteranno i saluti il rettore dell’ateneo di Udine, Furio Honsell, il presidente della regione Friuli Venezia Giulia, Riccardo Illy, l’assessore comunale alla cultura, Gianna Malisani, e il preside della facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali, Carlo Tasso.

Alle 10 il via alla tavola rotonda “Donne e carriere tecnico-scientifiche: esperienze a confronto”, coordinata da Marina Brollo, cui parteciperanno Rossella Palomba, ambasciatrice per le Pari opportunità nella scienza (Irpps del Cnr), Francesca Soramel, dell’università di Udine, Cinzia Palazzetti, presidente Unindustria di Pordenone, Caterina Della Torre, presidente Aidda, Isabella Chiodi, vice president strategic outsourcing Ibm South Europe, e Giulia Tagliabue, studentessa della Scuola superiore dell’università di Udine.

Alle 11.50 si svolgerà la premiazione, con Giovanni Fantoni, dell’Associazione industriali di Udine, Gianpietro Benedetti, di Danieli spa, Michela Del Piero, assessore regionale alle Pari opportunità, Franca Maieron, del Soroptimist club di Udine, Elena Moro, dell’Ordine degli ingegneri di Udine, Sara Stivella, dell’Ordine degli ingegneri di Pordenone, e Maria Giovanna Cadorna, dell’Alsi Udine. Alle 12.45 conclude l’assessore regionale al Lavoro, formazione, università e ricerca, Roberto Cosolini.

Udine, 2 marzo 2006
Ufficio stampa