Questo sito contribuisce alla audience di

La mia vita tra le tue mani..

La “comune identità” si costruisce a volte su di un percorso fatto di ricordi e testimonianze, attraverso una riflessione profonda di quello che eravamo e che, nel tempo, ci ha portato ad essere quello che siamo.. o che ancora vorremmo diventare…Un bimbo non si chiede perché non ti lascino lì ad osservare, sente solo mani mani che ti prendono con forza, che ti afferrano, ti sollevano, ti alzano e ti portano lontano… Un bimbo non si chiede perché cadano le tegole… Che sia il vento che desidera giocare?

La “comune identità” si costruisce a volte su di un percorso fatto di ricordi e testimonianze, attraverso una riflessione profonda di quello che eravamo e che, nel tempo, ci ha portato ad essere quello che siamo..

o che ancora si desidera diventare

Chiunque abbia vissuto catastrofi simili a quella di questa terra, sa bene come sia quasi del tutto impossibile cancellare ricordi, solitudini ed emozioni.

A volte occorre fare un passo indietro, fermarci ad ascoltare chi ha vissuto quel dolore, per capire quantoquesta gente con difficoltà immense ma con forza e dignità abbia trovato soluzioni e nuove speranze cercando di andare oltre il “terremoto interiore” di quelle ore

Eppure…
Un bimbo non si chiede perché il soffitto tremi,

si ferma ad osservarlo con stupore, crede voglia giocare

Un bimbo non si chiede perché non ti lascino lì ad osservare

sente mani che prendono con forza, che afferrano,sollevano, alzano e portano lontano

Un bimbo non si chiede perché cadano le tegole

Che il vento desideri giocare?

Un bimbo non si chiede perché gli alberi disegnino strane geometrie

forse, il loro, è solo un danzare.

E mentre guardi ed osservi il mondo cambiare chi ti ha preso non riesce più a camminare,

tutto si solleva, tutto trema

Allora si ferma con te, ti mette a terra senza parlare, senza nulla dire

il suo corpo sul mio.. il suo calore, il respiro

Chiudo gli occhi.

lascio che tutto passi…

allora ero bambina… eppure oggi…

come allora…

La mia vita,  tra le tue mani.

a W. Luisa Maria

 

 

 

                                

>