Questo sito contribuisce alla audience di

Nei Suoni Dei Luoghi

In Friuli Venezia Giulia e nei Balcani l’ottava edizione del festival. Corti medievali, piazze, giardini, antiche ville e castelli faranno da cornice alle note di più di 500 artisti Prenderà il via martedì 20 giugno, l’ottava edizione del Festival Musicale Internazionale Nei Suoni dei Luoghi che, grazie al numero di artisti coinvolti (più di 500 provenienti da 12 paesi) e alle aree geografiche di realizzazione, dal Friuli Venezia Giulia all’Albania attraverso Austria, Slovenia, Croazia, Bosnia Herzegovina e Serbia, rappresenta oggi un avvenimento d’indiscussa valenza culturale e di riconosciuta fama internazionale.

In Friuli Venezia Giulia e nei Balcani l’ottava edizione del festival. Corti medievali, piazze, giardini, antiche ville e castelli faranno da cornice alle note di più di 500 artisti

Nei Suoni Dei Luoghi,

da giugno a settembre un ricco cartellone di concerti di musica classica, etnica e jazz in Friuli Venezia Giulia e nei Paesi Adriatico Orientali

Prenderà il via martedì 20 giugno, l’ottava edizione del Festival Musicale Internazionale Nei Suoni dei Luoghi che, grazie al numero di artisti coinvolti (più di 500 provenienti da 12 paesi) e alle aree geografiche di realizzazione, dal Friuli Venezia Giulia all’Albania attraverso Austria, Slovenia, Croazia, Bosnia Herzegovina e Serbia, rappresenta oggi un avvenimento d’indiscussa valenza culturale e di riconosciuta fama internazionale.

Anche quest’anno, i generi musicali proposti per coinvolgere al meglio il pubblico italiano e straniero, che segue con sempre maggior interesse i concerti, spazieranno dalla musica classica al jazz, dal tango al flamenco alla musica etnica. La rassegna si articolerà in circa ottanta appuntamenti ad ingresso gratuito, dal mese di giugno fino a metà settembre e vedrà impegnati – fra solisti, duo, trio, ensemble d’archi, orchestre da camera e orchestre sinfoniche - musicisti affermati a livello nazionale e internazionale affiancati da giovani talenti.

Fra le date più importanti ricordiamo il Concerto per la Pace nel Mondo che si terrà il 22 luglio nell’Ara Pacis Mundi di Medea con l’Orchestra Sinfonica Internazionale Karmelòs (“internazionale” in quanto composta, nell’occasione, da elementi provenienti da tutta la Mitteleuropa e dai Balcani), il Coro dell’U.S.C.I. del FVG e quattro solisti d’eccezione scelti dai Paesi Adriatico Orientali: Željka Martić (Croazia) soprano, Violeta Svečković (Serbia) mezzosoprano, Agim Hushi (Albania) tenore e Denis Isaković (Bosnia Herzegovina) basso, che diretti da Giampaolo Maria Bisanti eseguiranno la IX Sinfonia di Beethoven (per info sul Festival: tel. 0481-42799, www.neisuonideiluoghi.it).

La manifestazione che è diventata un importante circuito estivo per la musica colta e che ha visto nel corso degli anni un crescente interesse da parte del pubblico e delle istituzioni, è finanziata dal Programma Interreg III A Transfrontaliero Adriatico e organizzata dall’Associazione Progetto Musica di Monfalcone con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, della Provincia di Gorizia (ente promotore), della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia e delle Province di Pordenone, Udine e Trieste con le quali sta consolidando i rapporti e di tutti i Comuni aderenti al circuito del festival, primo fra tutti il Comune di Medea (ente capofila di tutti i Comuni partecipanti al progetto). Numerosi anche i Partner nazionali ed esteri e le istituzioni estere con le quali collabora, tra cui ricordiamo:

Ministero degli Affari Esteri, la CEI (l’Iniziativa Centro Europea), l’UNESCO (Commissione Nazionale Italiana), il CIDIM (Comitato Nazionale Italiano per la Musica) e le Nazioni Unite che attestano la manifestazione quale esempio di “progetto pilota e modello esemplare di cooperazione allo sviluppo”.