Questo sito contribuisce alla audience di

La Magia del Volaia

750mt di dislivello per raggiungere un vero e proprio paradiso del Friuli Venezia Giulia…. Il passo di Volaia è un alto valico sulla cresta di confine tra Italia e Austria. Divide profondamente il monte Capolago dalla Cima Lastrons del Lago segnando un netto confine tra i monti di Volaia ed il massiccio del Coglians. Il consiglio, come sempre, è quello di partire la mattina presto.

750mt di dislivello per raggiungere un vero e proprio paradiso del Friuli Venezia Giulia….

Il passo di Volaia è un alto valico sulla cresta di confine tra Italia e Austria. Divide profondamente il monte Capolago dalla Cima Lastrons del Lago segnando un netto confine tra i monti di Volaia ed il massiccio del Coglians. Il consiglio, come sempre, è quello di partire la mattina presto. Giungendo da Udine si prosegue fino al termine dell’autostrada A23, proseguendo per SP125 attraversiamo Tolmezzo e raggiungiamo Villa Santina. Le indicazioni ci portano a Forni Avoltri e subito dopo a Collina fino al rifugio Tolazzi a quota 1350mt dove un ampio parcheggio fa da punto di partenza per raggiungere questo che è anche sentiero CAI 176.

Zaino in spalla e ottima compagnia, questi gli ingredienti che non devono mancare quando cominciamo a percorrere il sentiero immerso in un fitto bosco e che, salendo letamente, ci porta sino alla fascia rocciosa. La parte finale è la più impegnativa dal punto di vista atletico, ma il panorama che si apre ai nostri occhi è meraviglioso..

Fronte della prima guerra mondiale… percorri i sentieri della storia.. e poi ti guardi attorno…

Roccia liscia grigia…nuda…

Bianchissime nuvole che scivolano veloci

ampi spazi di cielo azzurro..

Ad annunciare l’arrivo in quota tra pareti svettanti del Cogliàns e del Capolago,il rifugio dedicato al Tenente R. Lambertenghi, caduto nel giugno 1915 nell’azione per la conquista del Passo Volaia, e al Tenente Romanin.

Poco oltre la croce di vetta a mt 2470 e il lago del Volaia….

Da qui molte altre escursioni e la possibilità di raggiungere altre mete..

Fermarsi una notte in questi rifugi significa vivere la magia della montagna

i luoghi sono sentieri nella storia e nella natura

e le aquile, nei cieli azzurri,

disegnano infiniti percorsi dell’anima …..

Luisa Maria Carretta