Questo sito contribuisce alla audience di

Turismo e Vigneto Friuli

La zona con maggiori prospettive di insediamento è quella della fascia collinare compresa tra Gorizia e Tarcento, dove si è registrata la maggior densità di soggetti conformi ai parametri richiesti o disposti a conformarsi. In regione finora una Strada è già stata realmente realizzata, quella di "Aquileia", che potrebbe accogliere nel proprio distretto i territori Doc costieri delle zone Latisana ed Annia

PROMOZIONE TURISTICA:

 

IL VIGNETO FRIULI PUNTA SULLE STRADE DEL VINO

 

 

 

La realizzazione delle Strade del Vino in Friuli Venezia Giulia potrebbe offrire una valida occasione, per una regione in cui il turismo non raggiunge elevati numeri in termini di presenze, di promozione e valorizzazione del territorio, a patto che vi siano adeguati investimenti per migliorare la qualità dei servizi offerti.

 

Per attuare un progetto di Strade del Vino sarà necessario partire dall’elemento centrale sul quale esse si basano, i produttori, coinvolgendoli direttamente e rendendoli protagonisti attivi di un progetto finalizzato a portare, attraverso l’enoturismo, ricadute positive sull’economia locale. Queste le principali conclusioni emerse dal convegno sulle Strade del vino in Friuli Venezia Giulia, organizzato da Federdoc Fvg a Villa Manin (Ud) per presentare i risultati dello studio di fattibilità promosso dall’assessorato regionale all’agricoltura e avviato due anni fa.

 

Le Strade del Vino rappresentano un sistema di offerta turistica che abbraccia un intero territorio, lungo il quale si collocano cantine, vigneti, borghi, strutture ricettive, ristoranti tipici, attrattive ambientali e naturalistiche. “Nelle 85 Strade finora riconosciute in Italia – ha spiegato il direttore di Federdoc Michele Bertolami - molti percorsi sono stati disegnati in modo approssimativo, i finanziamenti pubblici incassati, ma poi non vi è stata la capacità di gestire in modo attivo e dinamico le attività utili a rendere viva la proposta enoturistica”. Per non commettere gli stessi errori e soprattutto per evitare che in Friuli Venezia Giulia si vengano a creare tante piccole iniziative di basso profilo, prive di un coordinamento a livello regionale, Federdoc ha voluto realizzare uno studio per reperire informazioni utili alla progettazione delle Strade del vino, riunendo in forma organica i dati già a disposizione e valutando le esperienze delle altre regioni d’Italia.

 

 

Ma dove potrebbero sorgere nuove Strade del vino in regione, per le quali gli Enti locali, i Consorzi di Tutela vini Doc e il Movimento Turismo del vino Fvg potrebbero candidarsi come “soggetti promotori”?

 

 

La zona con maggiori prospettive di insediamento è quella della fascia collinare compresa tra Gorizia e Tarcento, dove si è registrata la maggior densità di soggetti conformi ai parametri richiesti o disposti a conformarsi. In regione finora una Strada è già stata realmente realizzata, quella di “Aquileia”, che potrebbe accogliere nel proprio distretto i territori Doc costieri delle zone Latisana ed Annia. “Il lavoro da fare per rendere le Strade un soggetto funzionante è impegnativo – ha ribadito Bertolami -, non solo a livello normativo nella stesura del disciplinare, ma anche a livello informativo e formativo. È importante far capire agli operatori quali chances di sviluppo porterebbero le Strade in Friuli, nell’ottica di offrire un prodotto turistico di cui il vino è solamente il collante e non l’unica attrazione”. Lo studio ha inoltre evidenziato alcune problematiche relative alla normativa e agli aspetti fiscali. Tra i primi obiettivi, Federdoc propone di migliorare la Legge regionale 21/00 che disciplina le Strade a livello locale, concentrandosi in particolare sulla definizione degli standard minimi di qualità e del disciplinare e sulle modalità di finanziamento.

 

 

Il convegno, moderato dal giornalista Carlo Cambi, ha visto alternarsi ai microfoni numerosi relatori:

 

Vanni Tavagnacco in rappresentanza della Regione,

il presidente di Federdoc Fvg Stefano Trinco,

Francesco Marangon dell’Università di Udine,

Giovanni Foffani della Strada del Vino Doc Aquileia,

Massimo Bassani per il Movimento Turismo del Vino Fvg,

il consulente fiscale Edo Zorzenon.

 

 

Infine Valentino Bega ha presentato l’esperienza della Strada del Vino e dei Sapori dell’Emilia Romagna, mentre Gabriella Campese ha illustrato la Strada della Franciacorta. Le conclusioni sono state affidate all’assessore regionale all’agricoltura Enzo Marsilio.

 

 

 

La strada del Vino e Delle Ciliegie
 

 

 

 

Federazione dei Consorzi Tutela Vini del Friuli Venezia Giulia

Via Morpurgo 4 - 33100 Udine Tel. +39 0432 510619 Fax + 39 0432 288595 e-mail: info@federdocfvg.it

 

 

Ringrazio, come Sempre, Francesca Pelessoni per la preziosa segnalazione.