Questo sito contribuisce alla audience di

Viaggio d'Autunno in Friuli Venezia Giulia

La luce di settembre sorprende è una luce che tinteggia la vita, come il ricordo della scuola o il suono della campanella e dalle Montagne del Friuli Venezia Giulia sino al mare, ogni foglia che arrossisce regala sensazioni dolci ed indefinite…

In America si chiama Indian Summer, l’estate indiana, quando anche i boschi assumono colori e sfumature in un clima mite che prolunga e richiama a tratti quello dell’estate..

I colori, i profumi, lo scricchiolio delle foglie sotto i passi piacevoli sensazioni, suoni e ricordi, come le parole di Jacques Prévert dove amore e foglie scoprono insieme la strada del destino la vita separa coloro che si amano, dolcemente, senza far rumore.. Qualche anno più tardi fu la voce di Yves Montand ad interpretare questa dolce poesia, ad accendere sogni e forse, speranze, di un’intera generazione..

La luce di settembre sorprende.. è una luce calda che tinteggia la vita, come il ricordo della scuola o il suono della campanella e dalle Montagne del Friuli Venezia Giulia sino al mare, ogni foglia che arrossisce regala sensazioni dolci ed indefinite

Lo sa bene chi desidera trascorrere questo periodo tra le colline, affollate in questa stagione più che mai, di ospiti in cerca della pienezza di senso, sapori e aromi di una nuova stagione..

Ma se percorro a ritroso questo mese ritrovo un’immagine ancora più affascinante.. un’ampia piazza circondata da alte querce… . era tarda sera ed era autunno… D’un tratto si alzò un vento deciso e inaspettato, le foglie cominciarono a sollevarsi alzandosi sempre più in una atmosfera che diveniva poco alla volta sempre più avvolgente come a voler girare, circondare, volteggiare, abbracciare
Nel cielo i toni della terra mentre la terra si colorava di cielo e insieme trasformavano il mondo e divenivano una sola emozione
Mille sfumature accese di giallo, rosso e oro … e un uomo, poco lontano, come sospeso..

forse le foglie non cadono forse seguono il vento
prima o poi tornerà la bora … e nel vento, a Trieste, l’aria si colora..

Luisa Maria Carretta

Veduta dal castello di Udine