Questo sito contribuisce alla audience di

Successo in Friuli Venezia Giulia per Nei Suoni dei Luoghi

Si è concluso il Festival Musicale Internazionale Nei Suoni Dei Luoghi che ha portato concerti di musica classica, etnica e jazz in Friuli Venezia Giulia e nei Paesi Adriatico Orientali

Grande successo di pubblico e critica per questa ottava edizione del Festival Musicale Internazionale Nei Suoni dei Luoghi che si è conclusa lo scorso 12 settembre a San Martino del Carso con l’esibizione degli allievi del Conservatorio di Musica “J. Tomadini” di Udine. Ed è dunque tempo di bilanci e valutazioni.

Trend decisamente positivo, con un pubblico in crescita rispetto agli anni precedenti che si attesta oltre le 15.000 presenze tra il Friuli Venezia Giulia e le vicine Istria, Austria e Slovenia. “Siamo soddisfatti - dichiarano gli organizzatori - il pubblico non solo ci segue con passione e competenza ma si sposta di concerto in concerto, curioso di scoprire piccoli luoghi e realtà estremamente suggestive della nostra regione che pensiamo di aver aiutato a conoscere e valorizzare con il contributo della musica”. Grandi apprezzamenti anche rispetto alla qualità dei concerti e del repertorio proposto “sono molto felice dei risultati ottenuti in questa edizione. Durante i concerti si è instaurata una magica atmosfera tra pubblico e musicisti, anche grazie ai luoghi così suggestivi. Percepire la soddisfazione dei musicisti, delle amministrazioni comunali e del pubblico è un grande appagamento per chi organizza. La programmazione varia ed accattivante, e gli esecutori di alto livello hanno sicuramente contribuito a questo successo” afferma il direttore artistico Patricia Turicchia.

La fortunata rassegna ha inoltre coinvolto più di 500 musicisti provenienti da 12 paesi - fra solisti, gruppi ed ensemble da camera e orchestre sinfoniche - e ha realizzato da giugno a settembre oltre ottanta concerti in Friuli Venezia Giulia, Austria e Slovenia sconfinando poi nei Paesi Adriatico Orientali con le tre tournée “NSDL 2006 on Tour”, due delle quali organizzate in collaborazione col CIDIM.

3000 sono state le presenze al Concerto per la Pace nel Mondo che, come di consueto si è svolto nell’Ara Pacis Mundi di Medea il 22 luglio con l’Orchestra sinfonica internazionale Karmelòs (internazionale in quanto composta, nell’occasione, da elementi provenienti da tutta la Mitteleuropa e dai Balcani), il Coro dell’U.S.C.I. del FVG e quattro solisti d’eccezione Željka Martić (Croazia) soprano, Violeta Srečković (Serbia) mezzosoprano, Agim Hushi (Albania) tenore e Roberto Iuliano (Italia) basso, che diretti dalla magistrale bacchetta di Giampaolo Maria Bisanti hanno eseguito l’Ouverture dal “Coriolano” e la Sinfonia n. 9 di L. van Beethoven.

Il ricco cartellone del Festival ha in parte celebrato due grandi compositori Wolfgang Amadeus Mozart e Robert Schumann di cui ricorrono gli anniversari della morte e della nascita, con diverse esecuzioni, alcune delle quali estremamente “curiose e alternative”. Ma il programma ha dato anche ampio spazio alla musica jazz, tango, flamenco e alle espressioni del folklore dei Balcani secondo la politica di scambi culturali che il Festival da sempre promuove con i Paesi Adriatico Orientali, suoi partner.

Ed ancora inaspettato successo con presenze al di sopra dei posti disponibili, per le iniziative collaterali al Festival, nate dalla capacità organizzativa dei singoli comuni che hanno voluto arricchire il concerto serale valorizzando le tradizioni locali di ogni luogo. Sono state così progettate e realizzate visite guidate nei Castelli, nei Borghi e nelle Chiese storiche che hanno ospitato i concerti ma anche dei giardini e dei Musei oltre che degustazioni di prodotti enogastronomici, tipici del nostro territorio.

Per informazioni – Ufficio comunicazione Veronica Cumaro 0481 – 42799 – ufficio.stampa@neisuonideiluoghi.it