Questo sito contribuisce alla audience di

Nei Suoni dei Luoghi”: dal Friuli Venezia Giulia ai Balcani

“Corti medievali, piazze, giardini, antiche ville e castelli faranno da eco alle note di oltre 600 artisti. Al via la decima edizione del Festival Musicale Internazionale “Nei Suoni dei Luoghi” un programma culturale ricco di eventi, un grande palcoscenico senza confini dal Friuli Venezia Giulia ai Balcani

Il Festival musicale Internazionale “Nei Suoni dei Luoghi” giunto quest’anno al suo decimo anno di attività, sta assumendo sempre più i contorni di un programma piuttosto che di un progetto. Un “programma culturale ed istituzionale” al servizio degli Enti locali, nazionali ed internazionali come attestato dal recente riconoscimento ottenuto da parte dell’United Nations Development Programme di Ginevra (UNDP) e della Regione Friuli Venezia Giulia che qualifica la rassegna “Antenna culturale e Centro di Riferimento per la Musica, la Cooperazione Culturale e lo Sviluppo Umano”.

I concerti che si svilupperanno in prevalenza in Friuli Venezia Giulia, toccheranno anche i consueti paesi transfrontalieri (Austria, Slovenia e Istria) e i Balcani (Croazia, Bosnia Herzegovina, Serbia e Albania) grazie alle tournée realizzate in collaborazione col CIDIM (Comitato Italiano Nazionale Musica di Roma).

Oltre 600 artisti coinvolti provenienti da 14 paesi differenti, 111 location di cui fanno parte i 45 eventi del nuovo modulo “Nei Suoni dei Luoghi Albania” e la Masterclass di alto perfezionamento musicale in violino, violoncello, pianoforte, fisarmonica e musica da camera che si terrà a settembre nel comune di Fier in Albania. Numeri importanti quindi, che sono il risultato delle azioni messe in atto dal Festival fin dalla sua nascita e che si attesta ormai a pieno titolo come un “avvenimento d’indiscussa valenza culturale e di riconosciuta fama internazionale”.

La rassegna dedicata prevalentemente alla musica classica ed antica ma con ampie sezioni di jazz, tango, flamenco, musica etnica e musica klezmer si articolerà dal mese di giugno fino a settembre (tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito) dove si avvicenderanno formazioni di ogni genere: dai solisti, duo, trio, ensemble d’archi, orchestre da camera e sinfoniche, alle formazioni più inusuali come le orchestre di sassofoni, arpe e fisarmoniche. Saranno presenti inoltre musicisti affermati a livello nazionale e internazionale affiancati da giovani talenti.

Fra le date più significative ricordiamo il Concerto per la Pace nel Mondo il 20 luglio presso l’Ara Pacis Mundi di Medea con I Cameristi della Scala diretti da Maurizio Zanini che si esibirà anche in veste di solista assieme a Francesco Manara (violino), Massimo Polidori (violoncello) e Valentino Zucchiatti (fagotto).