Questo sito contribuisce alla audience di

Antonella Riem, presidente di tutte le facoltà

L'obiettivo primario è quello di riportare l’attenzione sulla centralità e importanza decisiva della conoscenza delle lingue e, insieme, delle culture dei diversi popoli: è impossibile studiare una lingua senza conoscere la cultura che l’ha creata e l’ha sostenuta, la letteratura, la musica, l’arte, il folklore, la spiritualità».

«Anche attraverso questo nuovo ruolo – spiega la professoressa Riem – il mio obiettivo primario è quello di riportare l’attenzione sulla centralità e importanza decisiva della conoscenza delle lingue e, insieme, delle culture dei diversi popoli: è impossibile studiare una lingua senza conoscere la cultura che l’ha creata e l’ha sostenuta, la letteratura, la musica, l’arte, il folklore, la spiritualità».

Sono queste le parole della Prof.ssa Antonella Riem, dal 2007 preside della facoltà di Lingue dell’ateneo friulano, nell’accogliere anche la notizia della sua elezione a Presidente della Conferenza nazionale dei presidi delle facoltà di Lingue composta dai rappresentanti delle 21 facoltà di Lingue italiane.

Antonella Riem, la prima laureata della facoltà di Lingue, ha coordinato progetti di ricerca scientifica finanziati da enti regionali, nazionali e internazionali. Si occupa delle letterature in inglese, studiando i rapporti fra forme letterarie del canone e postcoloniali. È responsabile dei rapporti internazionali fra l’Università di Udine e varie università australiane. Promotrice di incontri sulle letterature dei popoli nativi e sulle minoranze linguistiche, si occupa anche della diaspora friulana in Australia. Riem dirige la rivista accademica online Le Simplegadi e la collana ALL (testi di critica letteraria e scrittura creativa) della Forum editrice universitaria udinese. Ha pubblicato in India una monografia su Coleridge e l’Induismo. Pubblica in riviste specialistiche internazionali; volumi (in italiano e in inglese) sulle letterature in inglese. Ha al suo attivo monografie, saggi e articoli su riviste scientifiche internazionali e in volumi.

Un po di orgoglio questa volta va bene, avendo studiato presso l’Università di Lingue e conoscendo la Prof.ssa Riem ed il suo splendido lavoro.

Pubblico con gioia questa notizia augurandomi che sia un nuovo passo verso un cammino di successi che sempre merita chi diffonde la ricchezza e l’opportunità della cultura con passione, conoscenza e amore

Luisa Maria Carretta