Questo sito contribuisce alla audience di

Friuli Venezia Giulia in maschera!

In arrivo la notte delle lanterne nel magico carnevale di Sauris, il paese più alto del Friuli Venezia Giulia



Anche quest’anno in Carnia rivive l’usanza tradizionale del Carnevale. A Sauris, il paese più alto del Friuli Venezia Giulia e affascinante località di origine tedesca che mantiene intatte lingua, tradizioni e architetture del passato, il 21 febbraio si svolgerà il tipico Voshankh, con le caratteristiche maschere in legno e la coinvolgente passeggiata notturna nei boschi, fra la neve, alla luce delle lanterne.

Il Carnevale saurano è uno dei più antichi dell’arco alpino, specchio dei particolari riti e costumi di questa sperduta e suggestiva vallata della Carnia: protagonisti della festa sono alcune figure tradizionali: il “Rölar” e il “Kheirar”.

Il Rölar è una figura magica e demoniaca armata di una scopa che avverte la gente che si prepari per la mascherata. Il suo nome deriva dai “rolelan”, i campanelli che porta legati attorno alla vita e agita in continuazione. La sua faccia e le sue mani sono annerite dalla fuliggine; indossa abiti rozzi ed ha la testa fasciata con un fazzoletto a frange. Con lui c’è il Kheirar, il re delle maschere che orchestra lo svolgimento della festa: il volto celato da una maschera di legno, ha vesti lacere e una scopa in mano, che usa per battere alle porte delle abitazioni in cui vuole entrare. Dopo aver spazzato il pavimento, introduce a turno coppie di maschere che intrecciano antiche danze al suono della fisarmonica.



Le due figure percorrono le vie di Sauris e delle sue frazioni, accompagnate da un corteo di maschere, che possono essere brutte (Schentena schembln) o belle (Scheana schembln): l’importante è che chi vi partecipa sia irriconoscibile e quindi abbia il volto coperto. Le maschere che coprono il volto sono rigorosamente di legno: chi non è di Sauris, e quindi non ne possiede una antica, ne può acquistare bellissime copie, realizzate da abili artigiani sul modello di quelle conservate nel Museo di Arti e tradizioni Popolari di Tolmezzo, una tappa da non perdere per chi vuole conoscere da vicino usi e tradizioni della Carnia.

Inizia poi la Notte delle lanterne: il corteo, partendo da Sauris di Sopra al lume delle lanterne, si inoltra passeggiando nel bosco per seguire un suggestivo percorso notturno alla volta di un grande falò propiziatorio innalzato in una radura. Sulla via del ritorno maschere e musici si fermano negli stavoli - le caratteristiche baite di pietra e legno della vallata - per riscaldarsi con vin brulè e rifocillarsi con i piatti della gastronomia locale, ad iniziare dall’ottimo prosciutto.

Per l’occasione è stato ideato un apposito pacchetto di offerte.

… e che inizia la festa!