Questo sito contribuisce alla audience di

Capossela a Tarvisio, oltre i confini

Oltre. Come sempre. Perché oltre è il No Borders Music Festival di Tarvisio che porta in Friuli Venezia Giulia artisti di livello internazionale incassando il tutto esaurito molti giorni prima dell’evento. Perché oltre è l’incanto dei Laghi di Fusine ma se anche volessimo spostarci oltre, sulle cime del Montasio, ci sarebbe comunque l’infinito del cielo a rendere evanescenti confini che non hanno ragione d’essere qui né altrove nel mondo

Montasio

Oltre. Come sempre. Perché oltre è il No Borders Music Festival di Tarvisio che porta in Friuli Venezia Giulia artisti di livello internazionale incassando il tutto esaurito molti giorni prima dell’evento.

Perché oltre è l’incanto dei Laghi di Fusine ma se anche volessimo spostarci oltre, sulle cime del Montasio, ci sarebbe comunque l’infinito del cielo a rendere evanescenti confini che non hanno ragione d’essere qui né altrove nel mondo.

Oltre, senza dubbio, la musica e lo spettacolo di Vinicio Capossela a Trieste e che in occasione del Festival si preparava a un’esibizione proprio sull’altopiano del Montasio con uno spettacolo diverso da quello portato in giro durante la stagione invernale nei teatri di tutta Italia. All’aperto, “per liberarci dalla gabbia del “SOLO SHOW” e abbaiare alla luna, danzare come baccanti, predicare al vento e alla polvere, e far prendere un po’ d’aria al Minotauro.”…

E’ accaduto solo in parte e tutti noi avremmo voluto esserci in quel cielo di stelle ma stavolta ci siamo arresi al tempo atmosferico e alle previsioni di pioggia battente. Peccato, perché lo spettacolo della natura sarebbe stato il palcoscenico più bello per questo artista e genio.

Scrive Gilberto Gamberini « Non ha potuto realizzare il suo sogno, uno spettacolo sull’altopiano del Montasio, dove avrebbe potuto sfogare la sua genialità creativa, si è dovuto “accontentare ” del palasport di Tarvisio, a lui, comunque, l’onore di chiudere il, festival del No Borders Music Festival il 9 Agosto 2009”

Un concerto ricchissimo e come sempre entusiasmante.

Resta il sogno di poterlo realizzare sul tetto del cielo, a pochi passi dal paradiso.. quello dei calzini…
e oltre… dove si trovano tutti vicini…

Luisa Maria Carretta
© Testo e immagini protette da licenza C.C.

Link correlati