Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

  • Rosandra, l’Acqua dell’Amore

    C'era una volta una bellissima principessa, di nome Rosandra, che un cattivo mago teneva prigioniera nel suo castello incombente tetro e dirupato sulla valle. I lamenti della bella principessa prigioniera attrassero alfine un giovane cavaliere il quale decise subito di liberarla. Venuto a duello col perfido mago, dopo un aspro combattimento, lo trafisse a morte con la sua spada e liberò così la principessa che si era ormai invaghita del suo coraggioso salvatore

  • Le Mummie di Venzone!

    Non siamo in Egitto ma in una splendida cittadina del Friuli e quelle che si possono vedere esposte in un edificio adiacente il duomo di Venzone distrutto dal terremoto del 1976 e fedelmente ricostruito, sono mummie appartenenti ad un’epoca compresa tra il XIV ed il XIX secolo...Qualche anno più tardi , nel 1807 persino Napoleone Bonaparte volle recarsi personalmente a Venzone per vedere le famose mummie.

  • Al Diavolo!

    Quasi sempre il Diavolo si doveva accontentare dell'anima di un povero animale che per primo attraversava il ponte e che faceva le veci dell'uomo che avrebbe dovuto mantenere fede ai patti. Anche a Cividale mito e leggenda si intrecciano in quello che è diventato, nel corso del tempo, uno dei simboli della cittadina. In questo caso però il Diavolo non ebbe l'anima di un animale ma quella di una giovane coppia di amanti....

  • Il Vento Dell'Amore

    Arriva improvvisa, scende dai ripidi pendii di montagna sul mare come se non avesse il tempo di fermarsi, come se volesse sorvolare il mare e andare in altro luogo. È capricciosa, soffia con buffi improvvisi a intervalli, c’è chi la ama, chi ne fa il simbolo di una città intera, chi, quando arriva, si rifugia nei caffè per non cadere tanta è la forza e la sua violenza.

  • Voshankh: Lanterne e Maschere

    Al calare delle tenebre, va in scena la magia della notte delle lanterne: un corteo - illuminato, per l' appunto, dalle lanterne - parte da Sauris di Sopra e si inoltra nel bosco, dirigendosi verso una radura, dove viene allestito un grande falò propiziatorio

  • La Notte Magica

    Immagate, per un istante, di poter guidare il Friuli dall’alto, dai finestrini di un aereo, attraverso un’immagine satellitare, oppure sospesi da terra per poter meglio osservare. E’ la notte dell’Epifania. Quelli che vedete brillare nella notte sono i mille e più fuochi accesi, falò propiziatori che si accendono all’unisono e che illuminano la regione intera. E’ una notte magica quella tra il 5 ed i 6 Gennaio.

  • Viaggio nel Tempo

    Luci accese dal 24 dicembre al 30 gennaio 2006 per il presepe di Tricesimo, uno dei più grandi d’Italia, che quest’anno avrà come tema « I 30 Anni de Terremoto in Friuli »

  • Krampus

    Un corteo di luce e fuoco scende dalla montagna durante la discesa dei Krampus, mentre una seconda lingua di fuoco fa da scorta al passaggio del calesse che porta san Nicolò.

  • La Barcolana : che emozioni!

    Più di duemila barche al via, oltre 20mila velisti in acqua, la Coppa d' Autunno, regata nota in tutto il Mediterraneo, è uno spettacolo senza pari, festa una città intera, dell'uomo, della natura, del mare, in cui l'unico protagonista, anche quest'anno sarà la forza del vento e la distesa infinita del colore bianco delle vele.

  • Le Frecce Tricolori

    ...e così, stupiti e con la testa fra le nuvole, ammiriamo la sinfonia del volo in un concerto sempre unico di geometrie e colorate emozioni.