Questo sito contribuisce alla audience di

Abito nella storia (2)

L’abito e le gioie di Maria del Portogallo. In bianco se è giovane. Pelliccia in inverno

XVI sec. L’abito e le gioie di Maria del Portogallo

Maria vestiva una robba bianca tutta ricamata con una cinta d’oro larga quattro dita, che andava pendente fino a terra, lavorata meravigliosamente, et davanti, dove si attacca detta cinta, vi è gioiello ricchissimo di molti diamanti, rubini e altre gioie di gran valore haveva il capo della cinta. Haveva poi una mantellina tutta ricamata, con vesta, con molte gioie nel colore, e tant’altre gioie addosso, che per la loro valuta non si potevano estimare. Il concere della testa era d’una teriglia con gran somma di gioie, e tante grossissime, con un bellissimo gioiello, che veniva pendente a coprire lo scrimale fino al fondo fronte, con una certa cosa d’oro di Regina carica di molte gioie, e certo che una Regina non poteva porre tante gioie addosso quanto portava quella signora. (Anonimo)

1874 L’abito della sposa

Sottabito di raso bianco con gonna in tarlatana, ogni volant termina con un fiocco di nastri frastagliati come foglie di cicoria. Bene, ve ne erano almeno venti sullo strascico, mentre sul davanti ne ho contati solo quattro. Tunica pieghettata trasversalmente e fissata sulla gonna; sul bordo della tunica, in basso, frangia con perle bianche. Larga cintura in raso, che parte da un lato e avvolge, ricadendo lungo la tunica, per annodarsi sullo strascico… Il corpino è accollato e a barchetta, interamente foderato di raso, come le maniche, e tutta la guarnizione consiste in un nodo di nastri frastagliati, simile a folta cicoria, e in un mazzolino di fiori d’arancio posto a lato, sulla spalla. (Stéphane Mallarmé, «La dernière mode»)

1904 Sposa in bianco

Per il matrimonio religioso la sposa se è giovine, indossa l’abito bianco con nessun altro ornamento di quello in fuori dei fiori d’arancio. Ma il bianco, il velo, i fiori, si addicono solo alla sposa giovine. Dopo i trent’anni sarebbe ridicola una simile toeletta. (Anna Vertua Gentile, «Come devo comportarmi?»)

1935 Pelliccia in inverno

Se la sposa veste di bianco e con il velo, il seguito vestirà l’abito da cerimonia, con pelliccia d’inverno e giacchetta adattata all’abito, in estate. Se la sposa, invece, veste abito da viaggio, le signore dovranno uniformarsi con un semplice tailleur o abito di lana. Se per ragioni personali la sposa sposerà in abito da pomeriggio, il seguito pure sarà in abito da pomeriggio. (Ines e Mimy Bergamo, «Il libro della signora»)