Questo sito contribuisce alla audience di

Posizione al termine del pasto

La forchetta ed il coltello, una volta consumata la propria porzione di cibo, come vanno appoggiate sul piatto? A) Ore 3.15 (parallele al tavolo), forchetta con le punte in giù (ne sono un sostenitore, più per tradizione familiare, che per convinzione). B) Ore 3.15, forchetta con le punte in su (lo sostiene mia moglie, infatti le punte rivolte verso l'alto meglio segnalerebbero al cameriere l'intenzione di non proseguire la consumazione della portata). C) Ore 6.30, forchetta con le punte in su.

Le rispondo con quanto scritto nel mio dizionario di galateo “Permette?”.

Finito di mangiare, il commensale posiziona le posate nel piatto, appaiate, e con i rebbi della forchetta in posizione di “riposo” (verso l’alto) e in una posizione approssimativa simile a quella delle lancette dell’orologio tra le 3,15 e le 5,25. Non da escludersi le 6,30

Queste posizioni sono (o dovrebbero essere) un segnale per il cameriere, affinché predisponga il disbrigo del piatto.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Mariano

    11 Mar 2010 - 18:18 - #1
    0 punti
    Up Down

    In verità mi hanno insegnato in un’Accademia militare che alla fine le posate vanno disposte alle ore 06.30 forchetta in riposo e coltello a destra con lama all’esterno (a destra) per un bis alle ore 03.15 stessa posizione mentre per un’interruzione dispsizione 07.25 forchetta a sinistra con rebbi verso il basso e lama del coltello infilata nello spazio formato tra gli stessi e il fondo del piatto. me lo confermate?