Questo sito contribuisce alla audience di

La Russia a Tavola

Una cucina molto particolare che risente di varie influenze....

LA
RUSSIA A TAVOLA

La cucina russa è
troppo spesso identificata con il caviale, mentre
è caratterizzata da molte interessantissime
specialità nate da una tradizione culinaria che
risente di moltissime influenze dalle europee
alle asiatiche.

LE
SPECIALITA’

Innanzitutto
citiamo gli zakuski. che in sostanza sono
traducibili come “piatti da buffet”,
ossia molte portate, in genere fredde, poste in
una tavola, da dove i commensali si servono da
soli . In genere tra queste portate non mancano
quasi mai salmone, storione,
acciughe, sgombri,
aringhe e altri pesci marinati o
affumicati, arrosti freddi, insalate,
patate in tutte le salse,
pomodori, peperoni,
melanzane e carciofi
ripieni
, uova, anche caviale
naturalmente e via dicendo; tradizionalmente si
accompagnano con la vodka.

Dopo l’oveurtoure
si passa alle zuppe tra cui non manca mai il borsch, una zuppa di
barbabietole
, patate e carne.
E’ un piatto rivendicato come caratteristico sia
dai russi, che dai polacchi
ed ebrei dell’Europa
orientale
, a volte tale zuppa è a base
di pesce o solo di verdure, ma in questo caso si
dovrebbe chiamare solyanka, col pesce, e shchi, solo vegetale. Un altra
ottima minestra estiva, fredda, è la botwina
con
spinaci e kvass, segale fermentata.

Deliziosi sono i pirogi, torte salate di
pastafrolla, simili ai pies inglesi.Caratteristico
è uno spezzatino di carne e verdure che si
chiama proprio ragù. Ottimo è un pollo
impanato e fritto
con dentro una noce di
burro, detto alla Kiev. C’è anche la polenta
di grano saraceno
, che si chiama kasha. Si condisce tutto con la smetana, panna acida,
che i russi usano come noi usiamo il grana.
Per finire i pudin che sono simili ai puddings
inglesi
e i rum baba un piatto noto
specialmente ai napoletani