Questo sito contribuisce alla audience di

Il salone del vino di Torino 2005

In parallelo al Salone del Gusto il Capoluogo del Piemonte ospita un'altra importante manifestazione per il rilancio del vino Italiano

La 5a edizione del Salone del Vino “Salone per produttori e professionisti del Vino” si svolgerà a Torino, da giovedì 27 a domenica 30 ottobre 2005 nel quartiere fieristico di Lingotto Fiere.

La Manifestazione ha lo scopo di potenziare, a Torino e in Piemonte, quello che ormai si configura come un importante polo fieristico dedicato alla vitivinicoltura, all’agroalimentare, all’enogastronomia: settori, questi, in cui il Piemonte ha dimostrato una grande vocazione e rappresentatività, e che sono comunque strategici per lo sviluppo e sempre più simboli del Made in Italy.

Sono più di1200 le aziende che espongono. Il clou sarà la premiazione di Gambero Rosso Slow Food delle migliori bottiglie con i “mitici” Tre Bicchieri. Sono previsti oltre mille incontri delle cantine con i buyers internazionali.
In questo week-end dell’enoppassionato il pubblico potrà fare shopping e partecipare a decine di degustazioni di altissimo livello.

Rispetto al passato quest’anno è prevista la novità del “week-end dell’enoappassionato”. Sabato 29 e domenica 30 i padiglioni del Lingotto saranno infatti aperti al pubblico che, pagando un ticket d’ingresso di 10 euro, riceverà anche un coupon del valore di 5 euro per l’acquisto dalle cantine espositrici delle bottiglie che preferisce.
 
Viene  replicato il workshop internazionale per offrire alle cantine espositrici l’opportunità di intessere importanti scambi commerciali”. Saranno 109 le cantine che si siederanno davanti a oltre 45 buyers provenienti da 17 paesi. Presenteranno 596 vini che provengono da 11 regioni italiane per un totale di 1149 incontri commerciali.

 L’occasione è offerta dal Salone del Vino di Torino che si conferma essere una decisiva piazza commerciale, un osservatorio privilegiato di tutto quanto è e fa vino e il momento mediatico più alto di attenzione alle bottiglie di qualità.

fonte: www.salonedelvino.com