Questo sito contribuisce alla audience di

Basic Instinct 2 - Risk Addiction

Ancora sigarette, ancora mutandine... ancora punteruoli da ghiaccio!

Sono passati 14 anni dall’accavallamento di gambe più famoso della storia del cinema. Nell’ormai lontano 1992 Paul Verhoeven regalava alla semisconosciuta Sharon Stone il ruolo più bello e più interessante che l’attrice abbia interpretato finora, quello che l’ha resa l’ultima vera Diva di Hollywood.

Oggi, anno 2006, dopo diversi film più o meno azzeccati, Sharon torna a vestire (senza mutandine) i panni di Catherine Tramell, scrittrice bisessuale e miliardaria con una particolare predisposizione al rischio, al sesso forte e ai punteruoli da ghiaccio.

Teatro di battaglia di “Risk Addiction” è questa volta Londra, dove il dottor Michael Glass (David Morrissey, un’incognita per il sottoscritto) ha il delicato e scomodo incarico di studiare la personalità della nostra eroina in seguito a una serie di incidenti che, guarda caso, la vedono implicata molto da vicino… Inutile precisare che verrà totalmente risucchiato dal vortice-Tramell, con conseguenze che avremo modo di verificare solo il 31 marzo, data di uscita ufficiale del film.

Intrigo, delitti, violenza e tanto, tanto sesso (molto più del primo capitolo) in uno degli eventi cinematografici più attesi dell’anno, con la speranza di non rimanere delusi da un inutile sequel di un film che è diventato un vero e proprio “classico”. O perlomeno speriamo che la presenza della divina Stone possa supplire a tutto il resto…

Ultimi interventi

Vedi tutti