Questo sito contribuisce alla audience di

Il progetto Muda e la rivoluzione verde

Il progetto Muda rappresenta il modello tipo di applicazione del pacchetto tecnologico trasferito nei PVS (paesi in via di sviluppo) sotto il nome di Rivoluzione Verde.

La valle del fiume Muda si trova nel nord della Malesia ed è un’area agricola molto importante per il paese in quanto specializzata nella produzione risicola, negli anni ‘50 garantiva il 30% della produzione nazionale.

La valle era caratterizzata da insediamenti sparsi lungo il corso del fiume, le terre divise tra grandi latifondisti e piccoli proprietari che organizzavano il lavoro su base comunitaria condividendo l’uso di macchine agricole.

Il Progetto Muda è stato ampliamente sostenuto dai finanziamenti statali attraverso grandi investimenti per nazionalizzare le terre dei latifondisti e dividerle tra i piccoli proprietari;
per la realizzazione di una grande diga a monte del corso d’acqua che ha regolato le piene ma privato le terre del limo che fertilizzava naturalmente le risaie.

Gli insediamenti sparsi del fondovalle sono stati spostati a mezza costa ed accentrati, creando situazioni di instabilità lungo i versanti;

gli antichi villaggi sono quindi scomparsi lasciando spazio a borghi rurali “moderni”, digregando così il tessuto sociale delle comunità di villaggio e alienando l’identità territoriale della popolazione.

I costi sociali della modernizzazione sono stati ripagati nei primi anni, quando i piccoli proprietari hanno visto triplicare le produzioni ed i loro redditi. La valle di Muda è arrivata a produrre il 50% del fabbisogno risicolo del paese.

Successivamente, venuti meno i contributi statali per gli investimenti, per incrementare ulteriormente le produzioni i piccoli agricoltori sono stati costretti ad indebitarsi per acquistare pompe idrauliche, sementi e fertilizzanti.

Molti non hanno potuto fare fronte ai debiti e hanno svenduto le terre, riacquistate dai vecchi latifondisti che non solo hanno recuperato le terre inizialmente espropriate dallo Stato ma anche quelle dei piccoli propietari indebitati.
INDIETRO

Ultimi interventi

Vedi tutti