Questo sito contribuisce alla audience di

Le vedove di Kabul sotto i bombardamenti

Oggi 7 ottobre gli Stati Uniti hanno guidato l'attacco militare contro l'Afghanistan, bombardando Kabul e altri centri strategici del paese. Nonostante i portavoce militari parlino di colpire gli obiettivi strategici, sappiamo che la guerra chirurgica è solo uno strumento di propaganda. Molti civili verranno coinvolti e moriranno, soprattutto quelli appartenenti alle categorie più deboli che non hanno la possibilità di allontanarsi dagli obiettivi strategici e militari. Tra questi, le vedove afghane che vivono in condizioni di estrema miseria ed emarginazione chiedendo l'elemosina o prostituendosi. Secondo l'organizzazione RAWA (Associazione rivoluzionaria delle donne afghane) sono circa 700.000 in tutto il paese, 80.000 nella sola Kabul.

Si tratta di donne prive di mezzi e di protezione maschile. Non potranno prendere un auto pubblica e ne tantomeno guidare un automobile per allontanarsi rapidamente dalle zone di guerra.

“Le donne afgane vivono sotto la disumana oppressione dei fondamentalisti talebani in situazioni disastrose dove viene loro negata la maggior parte dei diritti umani basilari.
Le donne sole o vedove sono disoccupate perchè è proibito loro svolgere un’occupazione, i loro bambini soffrono di fame.
La maggior parte di queste donne ha venduto tutte le sue proprietà per comprare cibo.
Quelle tra loro che hanno potuto lasciare il paese lo hanno fatto, le altre che non ci sono riuscite sono diventate mendicanti.

Il divieto per le donne di entrare e mendicare nei negozi, negli alberghi e in altri esercizi commerciali ha inciso ancor più sui loro redditi, costringendo un grosso numero di loro a darsi alla prostituzione per poter sopravvivere.

Queste donne hanno una carta di identità che le mostra come vedove con figli, per ottenere l’aiuto dagli uffici delle Nazioni Unite o dalla Croce Rossa, spesso la principale fonte di sostentamento.
Se i talebani arrestano queste donne per Zena (reato sessuale fuori dall’ambito matrimoniale) esse usano un’altra carta di identità che le mostra come donne nubili. Il fatto di essere nubili le aiuta ad evitare di essere lapidate a morte.”(Estratto da Rapporto RAWA, marzo 2001 )

Queste donne ed i loro figli pagheranno un prezzo altissimo. Non potremo non pensare al loro sacrificio guardando le azioni di guerra in televisione, i missili non colpiranno solo i cattivi.

ancora sulle donne afghane…..

AFGHANISTAN

LE GUERRE CHIRURGICHE

Ultimi interventi

Vedi tutti