Questo sito contribuisce alla audience di

La conquista della Patagonia

Com'è possibile che l'Argentina, che possiede un territorio ricco di risorse naturali e minerarie e basse densità umane, sia riuscita a cadere nel baratro economico nel quale oggi si trova? Proviamo ad osservare la situazione di una delle regioni periferiche dello stato, la Patagonia, dove nel corso di poco più di un secolo di sfruttamento intensivo non si è ancora costituita una identità territoriale, econimica e sociale. Forse il modello Patagonia può aiutarci a comprendere il fenomeno Argentina.

La Patagonia è un’immensa regione dell’Argentina, caratterizzata da una serie di brulli altipiani sferzati da forti venti costanti che si originano nell’area pacifica.

La rigidità del clima fa si che presso lo Stretto di Magellano, sulle pendici delle Ande, il limite delle nevi perenni scenda al di sotto dei 1000 metri mentre la temperatura media annua nella Terra del Fuoco sia di 5°C.

Terra inospitale, la Patagonia fino alla fine dell’1800 era abitata da popolazioni indigene ( araucani, mapuche, tehuelche) , gran parte delle quali venne sterminata durante la così detta “Campagna del deserto”, il processo di colonizzazione del territorio portata avanti dal giovane stato argentino.

Le atrocità compiute dalla truppa del generale Roca, futuro presidente della Repubblica, rimangono sullo sfondo dell’impresa.
In pochi anni l’Argentina si estese dalla provincia di Buenos Aires alla Terra del Fuoco ed i colonizzatori divisero l’immenso territorio in grandi estancias (aziende agricole).

I suoli poveri e brulli divennero pascoli ideali per gli ovini allevati estensivamente.
Importate per la prima volta dagli inglesi, le pecore provenienti dalle vicine isole Malvinas divennero la prima grande ricchezza di queste terre.

Oggi sono più di trenta milioni e vengono allevate per la produzione di carne e lana, in fattorie che si estendono per centinaia di migliaia di ettari .

Il Gruppo Benetton ne possiede una che copre una superficie di ….
CONTINUA

Ultimi interventi

Vedi tutti