Questo sito contribuisce alla audience di

Lattine di CocaCola sull'Himalaya

Il turismo di massa consuma voracemente e rapidamente risorse territoriali, paesaggi, culture. Non si può tuttavia nascondere la testa sotto la sabbia come gli struzzi addossando tutte le colpe all'industria turistica, la quale se da un lato impone modelli ed itinerari, dall'altro risponde alla domanda dei clienti, alle NOSTRE domande.

Se pretendiamo di bere una CocaCola sulle vette himalayane, la colpa è di chi si organizza per farcela trovare oppure è la nostra?

Anni fa ho fatto un trekking in Nepal, sono arrivata al campo base dell’Everest in compagnia di mia sorella, di un amico e di un portatore-guida.

Lungo il percorso abbiamo incontrato carovane di europei, ciascuna costituita da 7-8 persone super-equipaggiate con al seguito una decina di portatori (in ciabattine di gomma), altrettanti yak, tende e cucine da campo.

Assolutamente inutili in quanto lungo il percorso si susseguono i Lodge che offrono servizi di ristorazione e di pernottamento, ovviamente il tutto è molto spartano ed essenziale, ma se non si è disposti a sopportare qualche privazione, allora meglio andare al ClubMed di Donoratico!

Immaginate la pressione esercitata sull’ambiente montano da decine di carovane che settimanalmente percorrono questi sentieri fino a pochi decenni fa incontaminati.
Ecco i risultati: inquinamento, produzione di rifiuti ( le famigerate lattine di Cocacola a seimila metri! ),disboscamento, stravolgimento dello stile di vita tradizionale della popolazione locale.

Grazie alle caramelle regalate dai turisti ai bambini, questi sono oggi afflitti dalle carie dentali.
Un gesto semplice ma superficialmente esercitato può quindi creare guasti importanti, l’ignoranza delle realtà locali diventa una forma di violenza.

Le generazioni future del Nepal potranno godere del loro territorio e delle sue risorse?
Nei prossimi decenni il turista-viaggiatore potrà ancora praticare il trekking naturalistico nelle vallate del Nepal ormai disboscate e diventate discariche di rifiuti ?
Ed i tour-operators dovranno rinunciare a questo business?

I principi del turismo sostenibile offono una risposta concreta a questo tipo di domande.

TURISMO SOSTENIBILE

Ultimi interventi

Vedi tutti