Questo sito contribuisce alla audience di

La geografia nel corso IGEA (ragionieri e periti commerciali)

Il curricolo di studio dell'indirizzo per ragionieri e periti commerciali degli ITC è stato profondamente innovato dall'avvio della sperimentazione IGEA. Tra le materie che hanno subito una profonda riorganizzazione troviamo la geografia, rinnovata per meglio rispondere alle esigenze della società moderna e del mondo del lavoro.

Le principali innovazioni di questo indirizzo di studio sono:
l’aumento complessivo delle ore di insegnamento settimanali con ampi spazi riservati all’attività di laboratorio;

la presenza dell’insegnamento di due lingue straniere per l’intero quinquennio;

l’accorpamento di Ragioneria e Tecnica in un unico insegnamento denominato “Economia aziendale” che si sviluppa durante l’intero quinquennio;

la creazione di un’area operativa denominata “Trattamento testi e dati” per l’acquisizione delle abilità necessarie ad operare in ambienti sempre più informatizzati;

lo studio dell’informatica non come materia a sé stante, ma come strumento di arricchimento della matematica e dell’economia aziendale;

l’ insegnamento della Geografia economica che nelle classi terze e quinte incrementa a tre le ore complessive settimanali (3 + 2 + 3)

Al fine di rendere il programma coerente con le finalità generali del curricolo, nel corso IGEA la Geografia economica privilegia una visione globale e sistemica delle tematiche geografiche e ad evidenziare all’interno della globalità del sistema “territorio” le interconnessioni e le interdipendenze esistenti.

Viene accantonata la geografia regionale tradizionale e lo studio analitico delle regioni italiane, europee ed extra europee, per orientare gli studenti verso un approccio globale della materia.

In parole povere, partendo da grandi temi generali (ambiente fisico e naturale per esempio) si individuano esempi trasversali in Italia, Europa e nel Mondo.

CONTINUA

Ultimi interventi

Vedi tutti