Questo sito contribuisce alla audience di

Ecuador: il neoliberismo condanna all'emigrazione

L'Ecuador sta attraversando una grave crisi economica come conseguenza diretta degli effetti della globalizzazione. Povertà, disoccupazione, emigrazione, privatizzazione, rimborso del debito estero, saccheggio delle materie prime, instabilità politica e violenza stanno mettendo in crisi l'economia del paese. Come conseguenza 4 milioni di ecuadoriani sono stati costretti ad emigrare verso i paesi del Nord del Mondo.

Seguendo le direttive del FMI sono applicati al paese tutti gli interventi deflattivi che pesano gravemente sulle spalle della popolazione.
Il corso della moneta nazionale, il sucre, è stato ancorato al dollaro per frenare gli effetti dell’inflazione.
Come conseguenza dei provvedimenti di austerità, il potere di acquisto si è drasticamente ridotto, la spesa ubblica si è contratta, sono diminuiti gli investimenti.

La disoccupazione è ancora molto elevata, pari al 10 % della popolazione attiva, il precariato 59,4% .
Negli ultimi anni l’indice di povertà é cresciuto come in nessun altro paese latinoamericano : dal 1995 al 2000 é passato da 3,1 a 9,1 milioni di persone (dal 34 al 73 %) su una popolazione complessiva di 12 milioni di persone.
Come non capire la disperazione delle famiglie che non riescono ad immaginare un futuro in questro paese e vedono come unica possibilità l’emigrazione?
Ci si chiede peraltro che guadagno finale tragga il Nord del Mondo da tutto questo.
Si tratta della nuova via alla colonizzazione?
CONTINUA http://guide.supereva.com/geo/interventi/2005/03/200579.shtml

SCHEDA PAESE http://guide.supereva.com/geo/interventi/2005/03/200745.shtml

Ultimi interventi

Vedi tutti