Questo sito contribuisce alla audience di

L’astronomia moderna

I grandi astronomi.

CopernicoNicola Copernico, nato a Thorn in Polonia nel 1473, è considerato il fondatore della moderna astronomia.
La sua concezione dell’Universo è la sola possibile ed è stata confermata da infinite osservazioni esguite con strumenti sempre più perfezionati.
Copernico basò la sua teoria su due punti fondamentali : per prima cosa spiegò che il movimento del cielo è un modo apparente, dovuto al fatto che la Terra ruota attorno a un asse che passa per il proprio centro; inoltre affermò che il Sole è al centro dell’Universo e che tutti i pianeti , compresa la Terra, gli ruotano attorno percorrendo dei cerchi con velocità sempre uguale.
Il centro di questi cerchi, chiamati orbite dei pianeti, non coincide proprio col Sole ma gli è vicinissimo.
Questa nuova teoria copernicana secondo cui la Terra non solo si muoveva, ma non era più il centro dell’Universo, suscitò immenso scalpore; Copernico fu considerato pazzo e le sue dottrine impiegarono molto tempo non soltanto per essere divulgate, ma soprattutto per essere capite e accettate.
Nel 1546, tre anni dopo la morte di Copernico, nacque in Danimarca un altro insigne astronomo, Tycho Brahe, noto in Italia anche con il nome di Ticone.
Egli costruì strumenti adatti all’osservazione di corpi celesti ed eseguì un grande numero di misurazioni astronomiche.
La teoria di Copernico e le infinite osservazioni dei corpi celesti compiute da Ticone facilitarono gli studi a due tra i più grandi astronomi : Galileo e Keplero.

Ultimi interventi

Vedi tutti