Questo sito contribuisce alla audience di

Il petrolio

Il petrolio è una sostanza liquida risultante sa una miscela di idrocarburi.

Esso era già noto nell’antichità: i Cinesi e i Persiano lo usavano in guerra, i naturalisti greci e romani lo avevano assistito al suo trasporto da Baku, sul Mar Caspio , a Baghdad.
Si cominciò ad utilizzarlo intensamente solo a partire dal 1859, quando l’americano Drake ne scoprì un grande giacimento in Pennsylvania e trovò il modo di estrarlo.
Il valore di questo combustibile è enormemente aumentato in seguito all’invenzione del motore a scoppio e in rapporto alla diffusione delle materie plastiche: entrambe queste produzioni abbisognano, infatti, del petrolio come materia prima.
Il petrolio viene estratto dai pozzi che possono raggiungere la profondità di 4000 metri, posti sia sulla terraferma sia in mare; talvolta il combustibile giunge alla superficie spontaneamente, spintovi dalla pressione dei gas.
Il liquido appena estratto, detto greggio, è misto a terra ed altri materiali, perciò immesso in grandi vasche, viene sottoposto ad una prima depurazione detta decantazione, nel corso della quale viene separato dall’acqua e dai sentimenti argillosi.
Il prodotto così ottenuto è quindi inviato alle raffinerie , i grandi impianti in cui il greggio viene lavorato onde renderlo utilizzabile dalle varie industrie.
Alle raffinerie il petrolio può giungere tramite particolari tubazioni lunghe anche migliaia di chilometri, gli oleodotti, oppure via mare caricato sulle apposite navi dette petroliere.
I principali produttori di petrolio sono gli Stati Uniti, l’Unione Sovietica, il Venezuela, l’Arabia Saudita e numerosi Paesi Arabi.

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati