Questo sito contribuisce alla audience di

Il trasporto del suolo

Ecco cosa trasporta il suolo.

Oltre a modificare l’aspetto esterno del paesaggio, l’erosione può causarne cambiamenti anche più profondi.
Basta pensare, a questo proposito, al continuo spostamento di terreni causato dai fiumi e dai ghiacciai che, nel giro di anni, dislocano enormi quantità di materiali rocciosi asportandoli dal posto originario.
A parte l’azione dei fiumi e dei ghiacciai, però, esistono anche altre forme di trasporto del suolo, meno note e piuttosto curiose.
Uno di tali fenomeni è noto con un termine inglese: pipkrakes.Si registra su certi terreni umidi e soggetti a gelo ed è rappresentato da aghetti di ghiaccio alti non più di 5 centimetri che si raccolgono in piccoli gruppi.
Accrescendosi in sommità, essi sollevano particelle di terreno che, una volta giunto il disgelo, ricadono leggermente più avanti.
L’entità dello spostamento dipende ovviamente dall’altezza raggiunta dall’aghetto di ghiaccio che aveva sollevato il grumo di terreno e dall’inclinazione del pendio sul quale l’aghetto stesso si è formato.
Evidentemente la quantità di materiale terroso spostato in questo modo non è grandissima così come gli spostamenti causati non superano mai i pochi centimetri, comunque si tratta di un fenomeno interessante in quanto prova come anche in un mondo apparentemente privo di vita come quello delle pietre, della fanghiglia e in genere, dei terreni si verificano dei continui mutamenti.
D’altra parte azioni a prima vista insignificanti come la caduta delle gocce di pioggia, il passaggio di uomini o animali, il rotolamento di ciottoli o massi comportano sempre un trasporto terreno.
Tutti i piccoli avvenimenti della vita di ogni giorno, quindi, se presi singolarmente apparentemente non incidono affatto sull’aspetto della terra, considerati nel loro complesso fanno capire come il nostro pianeta cambi volto in continuazione.

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati