Questo sito contribuisce alla audience di

Come gli animali modificano la superficie terrestre

L’aspetto della superficie terrestre muta continuamente.

I cambiamenti sono però dovuti ad elementi naturali diversi ma non ad esseri viventi; anche questi ultimi, però, a parte l’uomo, concorrono in vario modo ed in varia misura ad apportare continui cambiamenti, all’aspetto esterno della Terra.
Molti aspetti del paesaggio del nostro pianeta sono dovuti agli animali.
L’azione di questi ultimi può essere di tre tipi: azione modificatrice, azione distruttiva ed azione costruttiva.
Chi passeggiando in campagna o in montagna non ha mai visto quelle specie di piccolissimi mucchietti fatti di terra?
Essi sono stati prodotti dai lombrichi che sono tra i maggiori modificatori del terreno.
Essi scavano , smuovono continuamente il terreno , lo mangiano insieme a frammenti di foglie e lo riespellono mescolato con sostanze organiche.
Altri animaletti (insetti, millepiedi, ragni ecc) svolgono la stessa funzione, modificando con l’andar del tempo, enormi quantità di terreno.
Tutti questi sono esempi di azione modificatrice.
Per quanto riguarda invece l’azione distruttiva non è difficile osservare dei fori nelle rocce,nei legni, nelle opere in cemento che rimangono immerse nell’acqua: sono stati prodotti da alcuni molluschi che scavano nella nicchie delle rocce , corrodendole per mezzo di acidi secreti dalle loro ghiandole.
E l’azione costruttiva? L’esempio più evidente sono le scogliere, le isole , i banchi costruiti dai coralli nel solo Oceano Pacifico.
Si tratta evidentemente di un’attività davvero grandiosa , capace di mutare radicalmente il passaggio della regione che ne viene direttamente coinvolta.
Basta pensare che la superficie occupata da queste particolari costruzioni naturali è pari ad un milione e mezzo di chilometri quadrati , cioè circa tre volte e mezzo la superficie dell’Italia.

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati