Questo sito contribuisce alla audience di

Cambia il clima? E i mammiferi si spostano in alto

Secondo i ricercatori, questo tipo di cambiamenti nelle composizioni delle comunità si è sempre verificato


Il riscaldamento globale sta producendo notevoli variazioni nella diffusione dei piccoli mammiferi nello Yosemite National Park, uno dei grandi parchi naturali degli Stati Uniti.
Secondo i biologi dell’Università della California a Berkeley che firmano in proposito un articolo sull’ultimo numero della rivista “Science”, si tratta di trasformazioni poco evidenti ma comunque degne di nota, dal momento che portano molte specie a vivere a quote più elevate.
Nello studio sono state confrontate le attuali popolazioni di mammiferi nel Parco con quelle di 90 anni fa: è risultato che toporagni, topi e scoiattoli si sono spostati dal livello del suolo a quote più alte per sfuggire agli effetti delle temperature più alte.
“La Sierra Nevada centrale ha conosciuto negli ultimi decenni un generale riscaldamento”, ha commentato Craig Moritz, che ha guidato lo studio. “Sono stati registrati non solo un aumento di 3 gradi Celsius ma anche una recessione dei ghiacciai, nonché un aumento delle precipitazioni piovose al posto di quelle nevose.”
Sebbene gli spostamenti delle specie animali non abbiano alterato complessivamente a biodiversità del parco, i biologi della UC Berkeley ritengono che i rapidi cambiamenti registrati nell’arco i circa un secolo – da quando sono cominciati gli ampi monitoraggi degli animali del parco – potrebbero rappresentare un problema.
Sembra infatti che solo metà delle specie si siano spostate, influendo pesantemente sulle interazioni tra specie diverse.
“Questo tipo di cambiamenti nelle composizioni delle comunità c’è sempre stato, solo che ora lo osserviamo in tempo reale: il problema è la velocità con cui avvengono”, ha concluso James Patton, coautore dello studio.

FONTE : REPUBBLICA

Argomenti

Ultimi interventi

Vedi tutti