Questo sito contribuisce alla audience di

Quei dinosauri poligami e solleciti 'papà'

Le cure parentali paterne degli uccelli deriverebbero da quelle dei loro antichi antenati dinosauri che, poligami, covavano nidi con uova di molte femmine


In oltre il 90 per cento delle specie di uccelli, i maschi hanno un significativo ruolo parentale, mentre fra i mammiferi e i rettili questo tipo di attenzione verso la prole si riscontra in appena il 5 per cento delle specie. Secondo una ricerca condotta da ricercatori della Florida State University a Tallahassee e dell’American Museum of Natural History a New York. e pubblicata su “Science”, questa attitudine si sarebbe sviluppata molti milioni di anni fa in quei dinosauri di cui gli uccelli sono i discendenti.
Vi sarebbe in particolare un legame fra le cure parentali paterne e la poligamia di questi antichi dinosauri, un binomio che attualmente si riscontra solamente fra struzzi ed emù.
“Là dove sono stati trovati dinosauri adulti sopra un nido, abbiamo scoperto che il volume o la massa del gruppo di uova, in pratica il numero di uova, è veramente grande rispetto alla taglia degli animali”; ha osservato Gregory M. Erickson, che ha partecipato allo studio. “Ciò suggerisce che più femmine avessero contribuito alle uova e che il maschio ne aveva cura.”
Per verificare la teoria, i ricercatori hanno però dovuto determinare il sesso dei dinosauri i cui resti fossili sono stati trovati al di sopra dei nidi.
Per farlo hanno esaminato la microstruttura di tibie, femori e metatarsi di fossili di oviraptoridi e deinonicosauri, piccoli teropodi i cui scheletri adulti sono stati spesso rinvenuti in posizione di cova sopra nidi contenenti decine di grandi uova.
La chiave per la risposta alloro questito è stata trovata in quello che non hanno osservato, vale a dire quei segni microscopici che si riscontrano comunemente associati al comportamento riproduttivo e materno nelle femmine di uccelli e rettili viventi, e di dinosauri non appartenenti alla linea evolutiva degli uccelli, come per esempio le tracce di riassorbimento osseo dovuto al dirottamento di sali minerali dall’osso alla formazione delle uova.
FONTE: REPUBBLICA

Ultimi interventi

Vedi tutti