Questo sito contribuisce alla audience di

Edgar Allan Poe

La Bibliografia completa di Edgard Allan Poe a cura di Livia Bidoli

Edgar Allan Poe: bibliografia

Essendo la bibliografia molto estesa, per quanto riguarda le opere del nostro scrittore indicherò, nell’ordine: le raccolte pubblicate lui vivente; alcune pubblicazioni in lingua originale; infine una serie di edizioni in italiano.

Opere pubblicate fino al 1849:

Tamerlane and Other Poems, Boston: Calvin F. S. Thomas, 1827.

Al Aaraaf, Tamerlane, and Minor Poems, Baltimore: Hatch and Dunning, 1829.

Poems, New York: Elam Bliss, 1831.

The Narrative of Arthur Gordon Pym of Nantucket, New York: Harper & Brothers, 1838.

The Conchologist’s First Book, Philadelphia: Haswerl, Barrington, and Haswell, 1839.

Tales of the Grotesque and Arabesque, 2 vol, Philadelphia: Lea and Blanchard, 1840.

The Prose Romances of Edgar A. Poe, Philadelphia: William H. Graham, 1843. (Contiene soltanto “The Murders in the Rue Morgue” and “The Man That Was Used Up.”).

Tales, New York: Wiley and Putnam, 1845. (Questa raccolta fu curata da Evert A. Duyckinck. Poe non era d’accordo sulla selezione dei racconti. “Ligeia” viene omesso, il racconto che Poe considerava uno dei suoi migliori (vedi la lettera di Poe a Philip P. Cooke, 9 agosto 1846, Ostrom, Letters, pp. 327-330).

The Raven and Other Poems, New York: Wiley and Putnam, 1845.

Eureka: A Prose Poem, New York: Geo. P. Putnam, 1848.

Raccolte in inglese:

The Collected Works of Edgar Allan Poe: Volume I - Poems, (a cura di Thomas Ollive Mabbott) Cambridge, Mass.: The Belknap Press of Harvard University Press, 1969 (ristampa del 1979). Ristampate in versione economica con degli appendici mancanti, dalla Harvard nel 1980. Ristampate in versione integrale nel 2000 dalla University of Southern Illinois (edizione tascabile). The Collected Works of Edgar Allan Poe; Volumes II-III Tales and Sketches, (a cura di Thomas Ollive Mabbott) Cambridge, Mass.: The Belknap Press of Harvard University Press, 1978. (ristampa nel 1979. Ristampata nel 2000 dalla University of Southern Illinois, edizione tascabile).

La raccolta curata da Mabbott è il testo di riferimento per qualsiasi studioso. L’edizione della Penguin (facilmente reperibile anche in Italia) è sicuramente valida e raccoglie quasi tutto il corpus narrativo, poetico e critico dell’autore con qualche eccezione: The Complete Tales and Poems by Edgar Allan Poe, Penguin, London, 1982. Per i saggi, le recensioni ed Eureka, vi sono varie edizioni della Penguin che se ne occupano in particolare.

Edizioni italiane:

Sia Rizzoli che Mondadori, ed altre case editrici italiane si sono occupate di pubblicare il canone poetano quindi mi limiterò a segnalarne alcune di interesse particolare.

Tutte le poesie, con testo inglese a fronte a cura di Tommaso Pisanti, Melita, Roma, 1988.

Gordon Pym e altre storie, a cura di Delfino Cinelli e Elio Vittoriani: contiene tutti e tre i racconti di raziocinio (Gli assassinii della Rue Morgue, Il mistero di Marie Roget e La lettera rubata), Mondatori, Milano, 1971.

Eureka. Discorso su un universo possibile, a cura di Alessandro Ceni Tozzi, Mondatori, Milano, 1993.

Abitazioni immaginarie di Edgar Allan Poe, con testo a fronte in inglese e la traduzione in francese di Charles Baudelaire. Le traduzioni in italiano sono rispettivamente di: Le terre di Arnheim e Il villino di Landor di Giorgio Manganelli; La filosofia dell’arredamento di Ludovica Koch e Elisabetta Mazzarotto; in appendice inoltre troviamo: Edgar Poe. La sua vita e le sue opere e Nuove note su Edgar Poe ambedue di Charles Baudelaire. La versione dei due saggi è di Giuseppe Montesano. Mondatori Serie Scrittori tradotti da scrittori, Milano, 1996.

Segnalo per ultimi gli Scritti ritrovati 1839-1845 a cura di Francesco Mei: raccolta di inediti la cui attribuzione a Poe è dubbia.

Livia Bidoli

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • lollo92

    04 Dec 2008 - 14:18 - #1
    0 punti
    Up Down

    Proprio incredibile… ogni volta che cerco Poe su Google trovo sempre una pagina dove ci sei tu Livia…
    Edgar Allan Poe sarà per sempre un grande!