Questo sito contribuisce alla audience di

Il Thriller di Dan Brown

Autore di romanzi thriller Dan Brown è conosciuto soprattutto per la sua quarta opera, quello strepitoso record di incassi che tra la fine del 2003 e per tutto il 2004 ha scosso l'intero settore editoriale del pianeta: "Il Codice Da Vinci" (titolo originale: The Da Vinci Code)






. I numeri delle vendite parlano chiaro e fanno di questo libro uno dei più grandi fenomeni editoriali di sempre: otto milioni sono le copie vendute nel mondo, più di tre milioni e mezzo solo negli Stati Uniti, dove ha superato anche J.K. Rowling e il suo Harry Potter. All’inizio del 2004, tutti i romanzi di Dan Brown erano presenti nella classsifica settimanale dei bestseller del New York Times.

Nato a Exeter, nel sud del New Hampshire, il 22 giugno 1964, Dan Brown dopo i suoi studi all’Amherst College e la laurea conseguita presso la Phillips Exeter Academy si trasferisce in California per tentare la carriera di pianista, autore e cantante. Torna però nel New Hampshire nel 1993 e diventa docente universitario di inglese nella sua vecchia scuola, la Phillips Exeter, dove anche il padre insegnava, continuando nel frattempo ad approfondire i suoi studi di storico dell’arte.

Dal 1996 si dedica a tempo pieno alla scrittura: da sempre appassionato di codici segreti, i suoi interessi su questo tema e la sua passione per lo spionaggio in ambito governativo (un po’ alla Robert Ludlum, per citare un guru del genere) lo portano a scrivere il suo primo romanzo “Digital Fortress” (1998, in via di traduzione in lingua italiana), che, forse anche grazie alla sua ambientazione informatico-tecnologica, diventerà l’eBook più venduto negli USA. La trama si svolge nell’agenzia clandestina NSA (National Security Agency), ed esplora la linea sottile che c’è fra la privacy civile e la sicurezza nazionale; è una cospirazione techno-thriller che tocca tasti delicati quali la moralità in politica, lo sviluppo indiscriminato della tecnologia e la sicurezza nazionale.

Figlio di un professore di matematica (vincitore di un prestigioso Presidential Award) e di una professionista musicista esecutrice di musica sacra, Dan Brown è cresciuto circondato dai paradossi filosofici che scienza e religione da sempre includono. Queste prospettive in qualche modo complementari sono servite allo scrittore come fonte di ispirazione per il suo secondo romanzo “Angels and Demons” (2000), la cui traduzione italiana (”Angeli e Demoni“) è uscita nel dicembre 2004. La storia vede contrapposti scienza e religione, un laboratorio fisico svizzero e la Città del Vaticano: chiamato a sbrogliare l’intricata matassa che si crea è Robert Langdon (lo stesso protagonista de “Il Codice Da Vinci“), professore di iconografia e arte religiosa, ad Harvard. Pare che Dan Brown per il futuro abbia in serbo una lunga serie di thriller che affronteranno il tema della simbologia, e che avranno tutti per protagonista Robert Langdon. Il prossimo capitolo è atteso per il 2005.

Nel 2001 esce il suo terzo lavoro “Deception Point”: quando un satellite della NASA scopre un oggetto raro sepolto in profondità nel ghiaccio artico, l’agenzia spaziale utilizza la scoperta per promuovere la politica della NASA e l’elezione presidenziale imminente. Per verificare l’autenticità del ritrovamento la Casa Bianca si affida all’analista Rachel Sexton. Accompagnato da una squadra di esperti, compreso l’erudito Michael Tolland, Rachel scopre l’impensabile. Ma prima che possano avvertire il presidente, una squadra di assassini si fa viva sulla loro strada. Per sopravvivere dovranno scoprire chi c’è dietro questa cospirazione. La verità sarà l’inganno più scioccante.

“Angels and Demons” è sicuramente il romanzo che ha fatto conoscere Dan Brown al grande pubblico americano ma è con “Il Codice Da Vinci” che l’autore si è imposto a livello mondiale. Il libro è uscito per la prima volta negli USA nel mese di marzo 2003. Questa è la trama, per chi ancora non la conoscesse: al museo del Louvre di Parigi avviene l’inspiegabile assassinio del suo direttore, Sauniere. Si intreccia un labirinto dentro il quale i protagonisti, lo studioso di simbologia Robert Langdon e la criptologa Sophie Neveu, in uno scenario intriso di suspence, districandosi in numerose analisi crittografico-artistiche (con particolare attenzione all’opera di Leonardo Da Vinci), si muovono all’interno di teorie rivoluzionarie rispetto alle attuali conoscenze fondamenti del mondo cristiano.

Proprio per queste teorie che hanno dato una scossa notevole al mondo religioso (nel romanzo viene tirato in ballo l’Opus Dei in modo significativo) in tutto il mondo non sono mancate le polemiche, talvolta feroci, e le tesi di smentita, concrettizatesi in numerose pubblicazioni editoriali che hanno iniziato una sorta di crociata “anti-Codice Da Vinci“.

Dan Brown è apparso su tutte le più importanti reti televisive e radiofoniche americane e su tutte le più importanti riviste: “Il Codice Da Vinci” è stato tradotto in più di 40 lingue.

Dan Brown vive nel New England, è sposato con Blythe, pittrice e studiosa di storia dell’arte, che collabora al fianco del marito per le sue ricerche iconografiche e storiche, e lo accompagna spesso nei suoi viaggi di ricerca e approfondimento; la coppia ha passato molto tempo a Parigi e presso il museo del Louvre, proprio per mettere a punto “Il Codice Da Vinci“; il romanzo sarà presto un film: la Columbia Pictures ha affidato le riprese alla pregeveole mano del maestro Ron Howard (per ora si sa che il protagonista - Robert Langdon - sarà interpretato da Tom Hanks).


ultimo aggiornamento: 03/01/2005






«Oggi che abbiamo armi di distruzione di massa, forse è lecito che tutti debbano essere controllati da qualcun altro.»

Dan Brown

Dan Brown (1964)

Angeli e demoni
Il fisico Leonardo Vetra sentì odore di carne bruciata. Era la sua. Terrorizzato, alzò gli occhi verso l’ombra scura che incombeva su di lui: “Cosa vuole da me?”.
“La password” disse lo sconosciuto con voce aspra. “La parola d’ordine.”
“Ma io non…”
L’uomo gli premette di nuovo sul petto il ferro arroventato, ancora più a fondo. Si udì uno sfrigolio di carne che bruciava.
“Non c’è nessuna password!” gridò Vetra, straziato dal dolore, sentendosi venire meno.
Lo sconosciuto lo guardò torvo. “Proprio come temevo.”

(Traduzione: Annamaria Biavasco e Valentina Guani)

Il codice da Vinci
Il famoso curatore del Louvre, Jacques Saunière, raggiunse a fatica l’ingresso della Grande Galleria e corse verso il quadro più vicino a lui, un Caravaggio. Afferrata la cornice dorata, il vecchio di settantasei anni tirò il capolavoro verso di sé fino a staccarlo dalla parete, poi cadde all’indietro sotto il peso del dipinto.
Come da lui previsto, una pesante saracinesca di ferro calò nel punto da cui era passato poco prima, bloccando l’ingresso al corridoio. Il pavimento di parquet tremò. Lontano, un allarme cominciò a suonare.

(Traduzione: Riccardo Valla)