Questo sito contribuisce alla audience di

I Quiz Televisivi a Tema Giallo

Il primo escursus della televisione nelle atmosfere gialle avviene nel 1959, quando inizia la trasmissione Giallo Club, una sorta di invito al poliziesco, dove gli ospiti in sala assistono alla proiezione di un minigiallo, del quale devono indovinare la soluzione per poter passare al turno successivo, condotto da Paolo Ferrari.

Pochi lo sanno, ma è questo il debutto ufficiale del mitico tenente Sheridan, di nome Ezechiele, della squadra di Polizia di San Francisco, magistralmente interpretato da un mitico Ubaldo Lay.

Una serie fortunatissima che proseguì ben ben quattro stagioni, fino al 1961, e che deve il suo successo all’indovinata intuizione di fondere il classico delitto ad enigma con le caratteristiche dinamiche di una storia hard boiled.

Dopo di allora l’indimenticabile Tenente Sheridan proseguirà ancora le sue avventure, indossando il fido impermeabile color crema, diventato esso stesso un cult, intepretando centinaia di caroselli e numerosissimi sceneggiati.

E’ in assoluto il primo investigatore televiso.

L’esperimento di fusione tra il gioco a quiz e il giallo viene poi riproposto a diciassette anni di distanza dal gioco a premi Chi, introdotto da Pippo Baudo all’interno del programma contenitore Buona Domenica, nel 1976.

Qui il meccanismo di fidelizzazione viene spinto al massimo perché la soluzione degli enigmi, rappresentati in piccoli video drammi con l’interpretazione di nomi celebri della televisione come Nino Castelnuovo e Alberto Lupo, verrà rivelata solo durante la puntata successiva, tenendo milioni di telespettatori inchiodati al teleschermo.

I casi proposti sono forse meno intricati di quelli del Tenente Sheridan, ma la regia e la confezione sono migliori, e i mini delitti vengono messi in scena con tutte le pregevoli caratteristiche di una serie di piccoli telefilm.

Nel 1990 arriva Jocelyn sempre su RaiUno che propone una spericolata Caccia all’Uomo, dove il concorrente deve rintracciare un personaggio misterioso basandosi su una serie di indizi. Ma qui si può parlare poco di giallo perché la mancanza di un intreccio o di un plot, o di personaggi ben caratterizzati rende il programma meno ricco di suspense.

Sabina Marchesi

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • alice

    27 Jan 2009 - 18:13 - #1
    0 punti
    Up Down

    mi dovete agliutare a are un tema giallo
    -ambiente:in un condominio
    -vittima:portiere del palazzo
    -colpevole :uno del condominio
    non deve essere lungo mi srve entro le 8
    x favore subito