Questo sito contribuisce alla audience di

Aileen Carol Wuornos, L’Adescatrice delle Autostrade

Sette vittime accertate al suo attivo, una delle sentenze giudiziarie più dure emesse contro una donna negli Stati Uniti, condannata a sei volte la pena capitale, viene giustiziata il 9 Ottobre 2002 e scompare dalla scena contenta di poter abbandonare un mondo che non le aveva mai dato altro che dolore.

Nasce nel Michigan il 29 Febbraio del 1956, suo madre morirà in carcere dove è detenuto per crimini sessuali e violenza carnale nei confronti di due bambine, sua madre la abbandona in tenera età per tornare poi a riprenderla quando sarà oramai troppo tardi.

Aileen e suo fratello Keith crescono affidati ai nonni, entrambi alcolizzati, in mezzo alla violenza e al degrado più totale, il nonno morirà suicida, la nonna di cirrosi epatica, il fratello Keith verrà a mancare per una grave forma di cancro alla gola.

In cerca di una supposta libertà ed autonomia Aileen fa del suo corpo una merce di scambio, si prostituisce ovunque e con chiunque anche in cambio di pochi dollari, o solo per farsi pagare una consumazione al bar.

Aileen cambia spesso nome, si fa chiamare Sandra, Lory, Susan e in pochi anni colleziona tutta una serie di arresti per guida in stato di ubriachezza, rapine, spaccio di assegni falsi e prostituzione, viene anche denunciata per aver minacciato un cliente, ma se la cava usando una delle sue false identità.

La breve parentesi con Lewis Fell, uomo anziano e benestante che aveva accettato di sposarla, non la salva dalla vita da strada, cui ella ritorna prepotentemente dopo aver dilapidato quasi tutti i soldi dell’uomo.

Seguono varie relazioni autodistruttive con uomini violenti e opportunisti che la sfruttano e la picchiano, Aileen continua a vivere dei proventi della prostituzione e di piccole rapine, ha frequenti crisi di rabbia nel corso delle quali distrugge ogni cosa o si procura gravi ferite da autolesionismo.

La situazione pare stabilizzarsi quando conosce Tyria Moore, una ragazza lesbica, della quale si innamora follemente.

Le due vanno a vivere insieme, alloggiano nei Motel, si amano e si ubriacano, Aileen è il maschio della coppia, suo è il ruolo dominante, sua la responsabilità di mantenere Tyria.

Il primo omicidio di Aileen risale al 30 Novembre del 1989, si tratta di Richard Mallory, il suo corpo sarà ritrovato solo il 13 Dicembre vicino all’Interstate 95, in avanzato stato di decomposizione.

Il 5 Maggio del 1990 viene rinvenuto il secondo cadavere, un camionista non identificato, freddato con due colpi di pistola calibro 22, sulla Intestate 75.

A Giugno dello stesso anno sulla Intestate 19 si rinviene il cadavere di David Spears, ucciso come in un’esecuzione con sei colpi calibro 22.

È chiaro che la furia dell’assassino sta aumentando ma i casi ancora non sono collegati tra loro, nessuno pensa a un serial killer, tuttavia nel caso di David Spears viene chiamata una criminologa che traccia una sorta di profilo psicologico dell’assassino, per la prima volta emerge che forse il colpevole potrebbe essere una donna e che il fine ultimo degli omicidi non sarebbe la rapina.

Il 6 Giugno viene rinvenuto sulla Intestate 75 un altro cadavere in avanzato stato di decomposizione, solo quando si identifica la sua auto viene accertata anche la sua identità, si tratta di Charles Carkadonn, di professione mandriano, è stato ucciso con nove colpi di calibro 22.

Finalmente si trova un minimo comune denominatore tra le vittime accertate, tutte, indistintamente, occasionalmente andavano a donne e non disdegnavano la prostituzione.

Gli inquirenti cominciano non solo a collegare i casi ma anche a identificare il modus operandi, le vittime vengono uccise con furia crescente dopo essere state attirate in luoghi appartati con l’esca della prostituzione, la rapina effettivamente sembrerebbe solo uno scopo secondario e non la motivazione primaria degli omicidi.

Dopo circa due mesi viene rinvenuto il cadavere Eugene Burness lungo l’Interstate 75, colpito a morte sempre da una calibro 22.

L’11 Settembre del 1990 scompare Dick Humpreys di 53 anni, ritrovato cadavere dopo pochi giorni, ucciso con sette colpi di arma da fuoco, sempre calibro 22.

Poco più di un mese dopo, il 19 Novembre del 1990 è la volta di Walter Gino Antonio, 4 colpi calibro 22, tre alla schiena e uno alla testa.

A questo punto i casi sono collegati in maniera eclatante.

Le indagini sono però a un punto morto fino a che un’anziana signora, Ronda Biley, ricorda di aver assistito a una scena fuori dal comune, vicino a casa sua una vecchia Pontiac era finita fuori strada, nell’estate del 1990, e ne erano fuoriuscite due donne, una bionda e una bruna, che avevano stranamente rifiutato in maniera piuttosto congestionata ogni tipo di soccorso.

E’ finalmente il primo indizio concreto, la macchina abbandonata appartiene a una delle vittime, sull’autovetture vengono rilevate delle impronte, nel frattempo sul mercato nero viene rintracciata una telecamera appartenente a Mallory, la prima vittima, e anche lì ci sono delle impronte rivelatrici.

Mentre il cerchio si stringe Aileen tenta di colpire ancora, abborda un soggetto promettente che però si rivela essere un’esca della polizia, ora è veramente la fine. Anche Tyria viene arrestata, e confessa quel poco che sa, ma le viene richiesto ancora di più, deve contribuire a incriminare Aileen incastrandola con una telefonata compromettente, in cambio la parziale immunità.

Ma Aileen anche se intuisce la trappola confessa comunque ogni cosa, pur di scagionare la sua compagna ed amante, ed accetta le conseguenze delle sue azioni, solo, afferma, e su questo sarà sempre irremovibile, di aver ucciso in un eccesso di legittima difesa, e di aver colpito solo quegli uomini che per un verso o per l’altro avevano cercato di abusare di lei costringendola con la forza a rapporti contro natura e non consenzienti.

Il processo ha inizio il 14 gennaio del 1992, la sentenza è esemplare, secondo la legge della Florida Aileen viene processata separatamente per ogni omicidio e alla fine condannata a subire sei volte la pena capitale.

Le perizie psichiatriche l’hanno sempre ritenuta perfettamente capace di intendere e di volere, sarà soppressa il 9 Ottobre del 2002 tramite iniezione letale secondo la legge dello Stato della Florida.

Sabina Marchesi